Cchiù pallone ca guaglione

Immagine Personale.

Un altro ricordo.. un altro pensiero a te perchè ” ‘o ssaje comme fa ‘o core”

La passione non si sceglie, l’amore non si sceglie: entrambe si vivono. Quello tra il mio popolo e te.. questo è stato.. Amore fluido e passione travolgente.. come quando fai l’amore tutto d’un fiato tanto da restarne senza.. e quello che ti resta è una faccia da ebete.. una gioia insensata.. gli occhi che brillano e tu che tremi come un cretino.

Tutti abbiamo tremato anche solo vedendo anni e anni dopo le tue giocate.

Tutti abbiamo visto un uomo diventare erba, pallone, sudore e maglietta. I lacci slacciati che non ti hanno mai impedito di correre e palleggiare..

La tua vita mille volte impigliata in quei lacci.. non si è mai fermata.

I tacchetti ti hanno perforato più e più volte e noi per questo, ti abbiamo amato.

Sei stato più bambino che uomo, mi verrebbe da dire.. sei diventato un simbolo indelebile della napoletanità.. perchè Napoli accoglie.. Napoli è mamma e come una mamma puoi provare a distruggerla.. provi a scappare da lei.. la accusi, la maledici.. la abbandoni.. Ma da mamma puoi sempre tornare; mamma una coperta calda per gli inverni freddi, te la offre sempre.

Hai compreso la vera identità di un popolo.. quella di un sud “sano” che si sentiva finalmente parte integrante e chiamato in primo piano in qualcosa di gigante.. enorme…

Di gigante non resta solo il murales che ti è stato dedicato.

Resti tu, tutti i bambini che si chiamano come te. I palloni che abbiamo bucato (sì..pure io ca so femmena) giocando, rivedendoci nelle tue gambe.. nei tuoi riccioli e nel tuo sorriso da bambino.

Un bambino che non ha mai smesso di giocare e amare il pallone.

Un bambino che non smetteremo mai di amare.

Cià guagliò!

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

26 pensieri su “Cchiù pallone ca guaglione

    1. Giusy Autore articolo

      eeh… Inguaribile romantica che porta addosso il colore del fuoco del Vesuvio.. che è spesso stata più scoglio affacciato al mare, che persona. Amo Napoli e Amo Diego: sempre e per sempre. Grazie 🙂

      Piace a 1 persona

      Rispondi
      1. Giusy Autore articolo

        “accoglie e genera morendo e nascendo” questo siamo.. questo quello in cui ho sempre creduto..la genesi del nostro popolo parla da sola. Ci sono parole tramandate che si moltiplicano e si amplificano nell’attimo in cui le pronunci e lì.. la eco incessante che travalica i secoli girando e rigirando su se stessa e si tramuta nell’attuale. Alle tue parole non posso aggiunger altro; come sempre.. parli creando i famosi “mille colori”.. anche tu.

        Piace a 1 persona

  1. Paquerite

    Non conosco Napoli, purtroppo, ma grazie a te scopro il cuore di quello che dico, l’anima di Napoli !!
    Questa immagine della madre è semplicemente bellissima, non vogliamo mai lasciare né le braccia né la pancia di un posto del genere …
    Il tuo tributo a Maradonna è tenero e commovente.
    grazie mille Giusy

    Piace a 2 people

    Rispondi
    1. Giusy Autore articolo

      Corinne tu es si douce! merci, j’apprécie toujours votre pensée 🙂 Je suis heureux si je peux transmettre l’amour que je ressens pour cette ville et surtout à quel point mon Naples est intense.
      “Ti aspetto a Napoli per un caffè!” Buona serata 🙂

      Piace a 1 persona

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...