Ho visto Maradona…

Sono Napoletano e in quanto napoletano ho dentro di me un legame stretto con Maradona. Sono nato l’anno in cui lui è venuto a Napoli.

Sono cresciuto percependo la storia che si stava scrivendo, assorbendo il significato delle sue gesta sportive. Sono cresciuto ascoltando i cori a lui dedicati, sono cresciuto vivendo la leggenda nel momento stesso in cui si stava scrivendo.

Diego é molto più di un calciatore, è molto più dell’essenza stessa del calcio. Non è solo il Migliore di tutti i tempi, il D10S del calcio, l’inarrivabile. La sua figura è trasversale ed è rappresentativa dell’umiltà di popoli che sentivano addosso lo spettro dell’emarginazione e dell’oppressione. Si era fatto portavoce della voglia di rivalsa della gente e attraverso la sua concezione irrazionale della fisica della sfera e della gravità, era capace di invertire i poli. Il sud diventava nord. Napoli si rispecchia in lui quasi si guardasse allo specchio. Un Argentino Napoletano, un Napoletano Argentino.

D10S

La gente vive il suo mito, perché lui è diventato parte della nostra storia personale e ha scolpito la sua immagine nella “genetica” della cultura e della società del popolo Napoletano.

Napoli perde un altro simbolo. Se ne va un altro pezzo di Napoli, se ne va un altro pezzo di eternità..

Grazie Diego..

Jovine – O’ reggae ‘e Maradona
Manu Chao – La vida tombola

“Finisce bene quel che comincia male”

dott. Gennaro Rinaldi

25 pensieri su “Ho visto Maradona…

  1. Paquerite

    Buongiorno Gennaro,
    Il tuo articolo è magnifico, lo scrivi con il cuore, la passione e questo in modo molto brillante.
    Mi piace la tua analisi del simbolo Maradona
    Era un enorme gentiluomo.
    Sono irritato in questo momento da tutti i commenti sulle sue molte ombre (droghe, alcol …)
    Ognuno al nostro livello ha anche parti d’ombra e finché siamo vivi ne teniamo forse ancora più abominevoli in gestazione nel nostro spirito.
    Diego si è fatto un posto vicino agli Dei,
    ora è diventato un mito,
    e non tocchiamo un mito.
    Buona giornata a te
    Corinne
    Grazie Google traduction

    Piace a 3 people

    Rispondi
    1. Gennaro Autore articolo

      Saluti Corinne, bonsoir. Merci pour vos mots. È vero, sì dovrebbe avere più rispetto per la persona. Era un uomo e come diceva lui “un figlio di Napoli”. È proprio quello che intendevo quando ho scritto il post. Le mie parole rispecchiano un sentimento profondo e radicato. Grazie ancora Corinne..non tocchiamo il mito!

      Piace a 1 persona

      Rispondi
  2. Rosada

    Bell’articolo.
    Al di là di tutte le chiacchiere che si possono pronunciare, tu hai descritto bene il tuo sentire. La sua è stata una figura simbolica importante per i napoletani, ed è proprio perché egli è un simbolo che resterà nei cuori.

    Piace a 2 people

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...