Simbolismo Fonetico.

Fonte Immagine Google.

Recentemente un filone di ricerca si è occupato dell’influenza e il potere che il suono delle vocali – poi delle parole intere- può avere sulla psicologia del potenziale compratore.

La domande che i ricercatori si sono posti concerne la possibilità offerta dal nome di un marchio; ovvero dall’influenza che il nome stesso può avere sulla futura scelta del compratore. Può in sostanza il solo nome, influenzare i nostri acquisti?

Tina Lowrey e Larry Shrum del Dipartimento di marketing dell’Università del Texas hanno condotto studi in merito.

Già in precedenza, studi di psicolinguistica avevano evidenziato che, in tutte le culture, alcuni tipi di vocali sono associati agli stessi concetti.

Accade ad esempio che le vocali anteriori (quelle che vengono pronunciate con la lingua in avanti) come la “i” nell’articolo “il” evocano velocità e oggetti piccoli, acuti o taglienti.

Di converso le vocali posteriori (quelle pronunciate spingendo la lingua verso il palato) come la “a” in “al”, sono associate ad aggettivi come “sicuro, confortevole o lento”.

Questo fenomeno prende il nome di “simbolismo fonetico” e potrebbe avere proprio implicazione nella scelta del nome di un determinato marchio.

I ricercatori hanno condotto un esperimento inventando nomi di finti marchi distinti soltanto da una vocale. La maggior parte dei partecipanti (67%) ha preferito i marchi che contenevano nel loro nome suoni con vocali anteriori quando dovevano acquistare oggetti piccoli e veloci (ad esempio coltelli) mentre nomi con vocali posteriori quando dovevano acquistare grandi oggetti come macchine SUV o oggetti pesanti come matelli.

Per aumentare l’effetto del nome del marchio, inoltre, serve che il significato evocato dal suono sia in accordo con le caratteristiche del prodotto stesso; sembra inoltre che il fenomeno sia trasportabile in qualsiasi cultura ovvero che il suono delle vocali esprima ovunque gli stessi concetti.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

23 pensieri su “Simbolismo Fonetico.

  1. anthony7119

    « Comment on manipule vos pensées avec les mots… »
    Pour fabriquer vos pensées, c’est finalement assez simple.
    Voici la recette :
    Il faut une bonne dose de maîtrise linguistique, rajoutez une grande quantité de répétition et de rabâchage médiatique.
    Vous obtenez des centaines de milliers gens répétant le même discours creux devant la machine à café le matin comme si c’étaient eux qui avaient trouvé tout seul cette idée géniale. J’évite les machines à café…
    Et voilà !?!

    Piace a 1 persona

    Rispondi
      1. anthony7119

        C’est vrai, à partir de là, tout peut arriver …🙂
        J’ai essayé avec les femmes quand j’étais plus jeune mais ça n’a pas fonctionné !!! 😀
        Prends soin de toi.
        Tony

        Piace a 1 persona

  2. maxilpoeta

    non avevo mai fatto caso a questo tipo di suoni pronunciati, io penso che sia molto personale ad ogni modo questo concetto. Se un marchio inizia con una certa lettera non penso sia un motivo in più per comprare quel prodotto, io se una cosa mi interessa non penso minimamente al nome del marchio, ne tanto meno alle vocali o alle consonanti. Comunque questa è solo una cosa mia, non farci caso… 😉

    Piace a 1 persona

    Rispondi
    1. Giusy Autore articolo

      Tecnicamente si tratta di messaggi subliminali; gli studi sembrano confermare quanto detto ma più che il fattore acquisto, trovo interessante il richiamo tra il suono e un certo aggettivo o una certa forma. La musicista che è in me, è sempre vigile 😋😂

      Piace a 1 persona

      Rispondi
  3. Mitologia Elfica

    Interessante questo connubio tra marketing e uso subliminale della fonetica. Del resto era inevitabile che anche il mondo della fonetica fosse investito dei fini commerciali dell’uomo. Sarebbe interessante sapere se le aziende (o chi per loro) che han studiato tutto questo per sfruttamento pubblicitario abbian preso spunto dagli approfondimenti (di certo non mainstream) sulla φωνή a partire dal suo fondamento, la vibrazione, cosa che investe multidisciplinarmente la semiologia, molte dottrine esoteriche (l’uso delle vocali foriere di trasformazione non solo personale per non parlare dell’ “ohm”) la musica (Demetrio Stratos e l’uso complessivo della voce) fino ad arrivare al mondo del teatro e dell’acting in generale (penso ad esempio a Carmelo Bene e a tanti altri “esploratori del suono”). Complimenti ancora per l’articolo. 🙏🏻

    Piace a 1 persona

    Rispondi
    1. Giusy Autore articolo

      grazie mille per aver apprezzato l’articolo e grazie soprattutto per questo bel commento denso di spunti di riflessione. Quel che ho trovato affascinante è stato proprio il collegamento con il “mondo dei suoni”; che il marketing usi strategie e messaggi subliminali è ormai cosa sdoganata, come credo che chi di competenza attinga ormai alle più svariante fonti. Grazie ancora e buona serata 🙂

      Piace a 1 persona

      Rispondi
  4. Paquerite

    Cuculo Giusy,
    È molto interessante, anche piuttosto impressionante.
    Ciò che sta alla base è in definitiva che la musica e la poesia delle parole hanno un certo fascino, e che non esitano a esercitarlo su di noi;)
    Buona giornata Giusy !!
    Corinne

    Piace a 1 persona

    Rispondi
    1. Giusy Autore articolo

      Esatto Corinne 🙂 hai centrato il focus di mio interesse, ovvero il legame con i suoni. Sono stata giorni interi a provare le vocali e anche in passato (prima ancora di questi studi) ero convinta che alcune lettere e suoni evocassero alcuni oggetti o concetti.
      Un abbraccio 🙂

      Piace a 1 persona

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...