La fine di una relazione.

Immagine Personale.

Dottoressa Buongiorno. Ho incontrato questa donna: è la persona giusta nel momento sbagliato. Sono sposato da 11 anni con la fidanzata della vita; la donna che è sempre stata al mio fianco ma qualcosa non va. Non so spiegare il motivo del mio malessere, il mio sconforto, il mio dolore, i miei pensieri. Sono qui perchè ho bisogno di verbalizzare questa sofferenza che mi porto dietro. Sono legato a mia moglie, non so più se la amo sono onesto. Ho incontrato “lei” all’improvviso.. è stato impatto puro, un boom improvviso.. na botta di quelle che non scordi. Avevo dimenticato il piacere di desiderare di sapere qualcosa di qualcuno; il piacere di leggere un messaggio al mattino, l’attesa.. la speranza.. la curiosità di conoscere un mondo intero. E’ bella, bellissima.. ma non è neanche quello il discorso (che comunque io ne sia attratto non lo nascondo) è proprio che lei è un mondo intero.. un fascino che io subisco a cui non so dire no. Mia moglie ha una storia complessa e difficile, le ho chiesto di venire con me in terapia per capire tante cose di noi. Anche lei ha un lavoro importante come il mio, siamo sempre più estranei ed io ho bisogno di capire che fine ho fatto prima io, come uomo… Non so più chi sono. Se penso al nostro matrimonio esce fuori sempre e solo lei, i suoi problemi, i suoi disagi.. la depressione.. Io mi sento perso. Non so più – a momenti- nemmeno perchè mi sono sposato e questa cosa mi fa stare male. Non dovevamo amarci per sempre?

F., chiede un incontro per capire come muoversi in seguito ai suoi problemi coniugali. Di solito è la donna a fare richiesta per i primi incontri di consultazione per cui quando la richiesta arriva da un uomo, l’interesse clinico è sempre un pò più alto.

F., un affascinante uomo di 46 anni, arriva presso lo studio presentandosi in anticipo rispetto all’ora stabilita. Il presentarsi con largo anticipo – nonostante le normative vigenti che impediscono di sostare negli ambienti- già fa comprendere l’enorme desiderio di F., di avere un confronto il prima possibile. Appare pacato ma dentro di sé, qualcosa si muove senza sosta.

F., entra e si siede. Non mostra movimenti “nervosi”, ma sembra molto tranquillo e a suo agio; dà in sostanza la sensazione di sapere dove si trovi e cosa si aspetta da questa situazione.

E’ venuto da solo, anche se spera di convincere la moglie a venire prossimamente (cosa che accadrà, ma non prima della quarta seduta) per dirsi in un terreno libero dal pregiudizio; uno spazio neutro in cui tutti possono dire tutto senza urlare a vuoto o piangere per notti intere; uno spazio in cui ognuno può abbandonare le proprie maschere ed essere l’attore protagonista della propria vita: non più solo una comparsa.

F. racconta dell’incontro improvviso con questa ragazza, incontro della donna perfetta per lui, una perfezione che lo spaventa e al contempo lo tiene vivo.

Nel racconto della propria storia coniugale emerge un piccolo particolare, è come se la storia che F, racconta, non sia la sua.. c’è una sorta di separazione tra ciò che viene detto e ciò che lui prova. Quando la moglie raggiungerà il marito in terapia, l’idea di partenza sarà sempre più chiara: i due non hanno una storia comune.

La coppia è sposata da 11 anni e fidanzata da sempre; condividono una vita intera fin da ragazzini, hanno fatto esperienze.. eppure i racconti sono vuoti.

Una coppia senza storia.

Quando capitano coppie incapaci di raccontarsi, incapaci di dirsi nonostante tutti gli anni trascorsi insieme il dubbio sul reale motivo della condivisione del tempo che è stato insieme, emerge con forza e prepotenza rischiando di distruggere come una potente onda tutto quel che c’è intorno. Molte coppie per paura decidono di bloccare la falla ormai aperta usando un qualsiasi materiale a disposizione e accontentandosi di aver riparato quella falla (seppur in modo balordo), si stampano un sorrisone e vanno via.

Altre coppie si distruggono, decidendo di diventare macerie in cui però, poi, uno diventa pala per l’altro e con questa pala, a turno, ci si aiuta sfruttando quel mucchietto di macerie che sarà riconvertito in sabbia, cemento per nuovi mattoni con cui costruire un nuovo e saldo edificio.

Ci sono poi le coppie che si dicono addio; quelle in cui non c’è materiale, pala, colla o altro che possa aiutare a tenere insieme un edificio che non è mai esistito, se non nella fantasia di uno dei due (o entrambi).

Cos’è che tiene insieme le coppie, allora.. o meglio.. cosa potrebbe tenere insieme una coppia (no, non è una domanda a cui pretendo di dare una risposta, ma un riflessione che spesso facciamo in studio, tra colleghi dopo che abbiamo visto una coppia e ultimamente, ne vediamo sempre più…).

Cos’è la storia di una coppia? Chiedere ad una coppia di raccontare la sua storia, è qualcosa di troppo romantico/romanzato? Possibile, ma l’amore porta ab origine il marchio del romanzo… il romanzo di quella che “dovrebbe” essere la storia della coppia e -pertanto – la storia familiare dei partecipanti in gioco (famiglia d’origine e futura famiglia costruita sulla base di tutta una serie di narrazioni che si incroceranno, lungo il cammino).

Come in ogni storia ci sono gli antagonisti, i protagonisti, le difficoltà, le stagioni, le peripezie e le varie pozioni da poter utilizzare. C’è il coraggio, il cavaliere (nero o bianco), il principe o una principessa che si riscoprono poi non così affini come la narrazione vuole.

C’è la resilienza, il comprendere che la storia che -non- abbiamo scritto ci modifica, ci fa resistere e trasformare diventando linfa per una nuova pianta che ha gettato una piccola talea altrove, pronta a germogliare in una nuova primavera.

C’è la speranza, la sorpresa di scoprirsi diversi, di capire che la storia che stavamo scrivendo ha un lieto fine che però, non ci appartiene.

C’è la delusione per rendersi conto che si stava combattendo da soli, come Don Chisciotte e che i mulini a vento erano solo sfide personali.. e come il cavaliere furioso, occorre dirigerci sulla luna per recuperare il senno.

C’è lo sconforto. C’è la paura.

C’è una piccola luce in lontananza: luce di speranza e passione. Luce che puoi decidere di spegnere definitivamente o di rimpinguare gettando legna inizialmente un pò a caso, per vedere che succede poi in maniera sempre più forte e vigorosa.

Ci saranno incendi. Vampate di calore incessante e forte.

Sarà tempo per riprendere la propria storia integrando tutti i nuovi personaggi e lasciando quelli vecchi in un altro capitolo; un capitolo di cui avremo compreso la morale e che sarà chiuso.

Sarà tempo per il tempo, quello nostro, quello personale.. quello in cui non ci sarà più spazio per la persona giusta al momento sbagliato.. ma sarà il tempo per la persona e il momento giusto.

Sarà tempo per me e per te.

Sarà tempo per noi.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio

https://amzn.to/3cgSFsu

https://amzn.to/3a55cwq

https://amzn.to/3c9zYqI

18 pensieri su “La fine di una relazione.

      1. Povertà 🌟 Ricchezza

        Beh, magari prima di queste performance avrà fatto qualche viaggio nei meandri della follia tramite qualche aiuto. Quei viaggi prolungati che colpiscono molti artisti e non solo. Come diceva il Vasco in una vecchia canzone indicata a queste performance post abusi (Cosa c’è)
        Quando tocchi il fondo vieni su
        Vieni fuori oppure
        Non ci vieni più

        Piace a 1 persona

  1. Giuseppe Grifeo

    Perché si sia, a rotazione, pala e cemento, si deve lavorare in due. Ma c’è anche il caso di chi vorrebbe essere pala e cemento, però da solo a nulla giunge: in coppia ogni problema personale si riflette sulla relazione, quindi andrebbe affrontato insieme per avere più forza. Lo affermo da mollato dopo nove anni di relazione e per decisione della controparte in solitaria e dopo un 2020 che ci ha stressato, compressi e tolto parte dell’intimità. La coppia non è solo progettare, ma sostenersi a vicenda… da soli non si arriva mai a una giusta soluzione, quale essa sia (non è detto che si debba rimanere per forza insieme, ma almeno ci si confronta e non si precipita sull’altro un personale verdetto).

    Piace a 1 persona

    Rispondi
    1. Giusy Autore articolo

      certo Giuseppe.. il discorso della storia comune o dell’essere pala e cemento (pre)suppone la comune volontà di procedere insieme verso un obiettivo comune (sia esso felice o meno) perchè, ovviamente, le coppie non sono sempre condivisione di felicità. Spesso però il mettersi in gioco delle due controparti è iniquo o non del tutto “reale” per entrambi. Le relazioni non si formano in un giorno, ma si costruiscono passo passo con volontà, amore e rispetto e difficilmente finiscono dalla sera alla mattina e per volontà di una sola persona. C’è sempre qualche piccola falla di avviso.. anche la più scontata e banale che funge da allarme. Le difficoltà, lo stress esistono e sono reali e si riversano nella coppia: vero. Dovremmo avere tutti dei partner disponibili, accoglienti e caldi; partner desiderosi di sapere “come stai” e di comprendere.. in un gioco in cui anche “tu” fai lo stesso. Sono equilibri che dobbiamo voler tenere perchè implicano impegno e dedizione; la relazionalità non è mai semplice.. Insomma… una bella costruzione continua considerando che la coppia non è statica ma evolve e cresce di pari passo alla persona stessa: coppia in-formazione 🙂

      Piace a 1 persona

      Rispondi
  2. maxilpoeta

    leggendo queste storie, ormai di tutti i giorni, mi viene da pensare all’amore di un tempo, quando ci si conosceva da ragazzi e si stava assieme tutta la vita. Ai miei genitori è andata proprio così, infatti ora mia mamma è ancora a pezzi per la morte di mio papà, visto che erano stati assieme per ben 62 anni. Al giorno d’oggi invece ci sono queste storie, dove ognuno sembra vivere vite parallele, dove ognuno pensa a realizzarsi, senza minimamente condividere queste sue ambizioni, con chi gli sta accanto. Io devo dire in amore sono sempre stato sfigato, ho avuto qualche storia, ma non è mai scattata quella scintilla da farmi dire, questo è l’amore della mia vita, però di una cosa posso andar fiero, nel momento in cui frequentavo una ragazza, vedevo e volevo solo essere e parlare con lei. Tagliavo i ponti con tutti, ogni istante della mia vita era dedicato a lei. Poteva sembrare opprimente un simile amore, ma invece posso assicurare che era una forma bellissima per conoscersi, e condividere ogni singolo minuto di vita. Poi va beh queste storie son finite, perchè non c’era questa volontà di capirsi da parte di lei, ma soprattutto non c’era quella ricchezza emotiva, intellettuale, che poteva rendere pazzesca quella singola storia.

    Piace a 1 persona

    Rispondi
    1. Giusy Autore articolo

      Le relazioni sono complesse ma contemporaneamente dovrebbero essere semplici. La difficoltà è nel comprendere che non sei più solo tu ad essere coinvolto, ad essere parte ma che c’è anche l’altro che va integrato in ciò che tu sei (fai e farai). La progettualità deve essere di coppia, avendo cura di restare se stessi ma buttando sempre l’occhio all’altra parte. È come un team dove ognuno gioca la partita tenendo conto dell’altro giocatore, Ci si passa la palla, ci si infortuna, ci si sostituisce, si è stanchi si vincono le peggiori partite (in modo bello o brutto) e si vincono i trofei. Ci si costruisce come coppia, si sta insieme senza egoismo, si condivide e “ci” si condivide .. è un bellissima avventura. 😊 (per non parlare della bellezza di invecchiare insieme.. almeno.. nella mia visone 😁)

      Piace a 2 people

      Rispondi
      1. maxilpoeta

        trovo molto romantica questa tua visione, è vero quello che descrivi, secondo me al giorno d’oggi c’è una sorta di paura di perdere la propria libertà, per questo molte storie finiscono, le persone da ambo le parti non sono in grado di rinunciare a qualcosa che per loro conta, e piuttosto che scendere a compromessi preferiscono lasciarsi. Ci vorrebbe una maggiore apertura mentale nei confronti dell’altro/tra, ma al giorno d’oggi non è facile cambiare certe mentalità…

        Piace a 1 persona

  3. Pingback: La fine di una relazione. | THE DARK SIDE OF THE MOON...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...