Jazz, creatività ed emozioni.

Uno studio ha mostrato come le emozioni influenzino la creatività aprendo un ponte sulla comprensione, ad esempio, dell’improvvisazione in ambito jazz.

Studi di imaging cerebrale confermano che le emozioni modulano la creatività dei musicisti. Malinda Mc Pherson (Harvard/MIT) sotto la guida di Charles Lib, condusse uno studio in cui osservò tramite risonanza magnetica funzionale, l’attività cerebrale dei musicisti jazz professionisti mentre improvvisavano delle melodie.

Durante l’improvvisazione ai musicisti venivano mostrate delle immagini in cui le persone avevano alternativamente una espressione triste o allegra. Durante la visione di queste immagini, i musicisti dovevano improvvisare ed esprimere le emozioni che visualizzavano.

Con le emozioni positive si osservava, nel cervello del musicista, una forte disattivazione della corteccia dorsolaterale prefrontale (DLPFC).

In studi precedenti questo tipo di risposta è stata associata ai processi creativi.

Quando però l’emozione nella foto era negativa, la disattivazione della DLPFC era molto inferiore mentre vi era un incremento dell’attività nelle aree cerebrali normalmente associate al piacere e alla ricompensa.

I ricercatori hanno concluso che quando si parla di creatività, non possiamo immaginare che vi siano attivazioni o disattivazioni di circuiti cerebrali specializzati ma che vi sia un effetto modulatorio da parte delle emozioni, in circuiti diversi.

L’attivazione osservata nelle aree legate al piacere è da collegarsi all’effetto psicologico della musica triste e di quella felice.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

9 pensieri su “Jazz, creatività ed emozioni.

  1. maxilpoeta

    molto interessante questo studio, in fondo abbiamo sempre percepito delle emozioni differenti ascoltando brani malinconici, oppure allegri. Ora attraverso questi studi si potrà comprendere come gli stessi musicisti riescano a creare sonorità diverse a seconda delle loro percezioni. Il jazz è un genere che ascolto abbastanza anch’io, lo trovo molto rilassante, lo tengo di sottofondo per leggere, scrivere, pensare. Poi non dimentichiamoci per gli appassionati di alta fedeltà come me, che assieme alla musica sinfonica viene usato per testare sistemi audio professionali, per la ricchezza e il dettaglio dei singoli strumenti, e per la resa complessiva del loro insieme…

    Piace a 1 persona

    Rispondi
    1. Giusy Autore articolo

      oh che bel commento! si infatti trovo molto interessante “scoprire” le basi neuronali ad esempio dell’improvvisazione; è affascinante sapere cosa accade nel nostro cervello e cosa prende il sopravvento.. se il lato emotivo o quello prettamente neuronale. bella la parentesi “per gli appassionati”. grazie mille, Max.

      Piace a 1 persona

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...