IL MIGRANTE SFUGGENTE.

Dal 2018 al 2021. Cosa cambia.. se qualcosa cambia..
Buona Lettura.

ilpensierononlineare

Africa-stk-200x200

Il tema della migrazione si presenta oggi come fortemente attuale e connotato da profonde sfumature. Si tratta di un fenomeno che appartiene all’uomo dai primordi della sua esistenza, da quando – in sostanza- l’uomo primitivo ha incominciato circa 120 mila anni fa, a compiere delle incursioni dal continente Africano.[1] Il cambiamento che determinò una sorta di “arresto” del transito migratorio fu il passaggio, attraverso il periodo che prende il nome di Mesolitico (età della pietra di mezzo), dal Paleolitico (età della pietra antica) al Neolitico (età della pietra nuova).

Perché il richiamo alla storia?

Citare fonti storiche, può aiutarci a comprendere il motivo per cui l’essere umano ha attuato degli spostamenti “fisici”, evidenziando come questi, siano stati principalmente effettuati per migliorare la propria condizione (il periodo, infatti, del Neolitico attesterà il passaggio dell’uomo dalla condizione di nomade a sedentario, poiché egli poteva adesso contare sulla coltivazione dei campi e…

View original post 1.388 altre parole

13 pensieri su “IL MIGRANTE SFUGGENTE.

  1. maxilpoeta

    è sempre un tema di stretta attualità e spesso molto spinoso. Di fatto è vero ciò che sostieni nell’articolo, siamo tutti discendenti dagli ominidi africani, quindi di fatto nel corso di decine di migliaia di anni l’evoluzione è nata e si è diffusa partendo dall’Africa. Poi nel corso del tempo si sono formate delle culture differenti, si è andata sviluppando una forma di ego esistenza sociale, dove il singolo individuo non è più predisposto a mettersi alla pari di un altro, ritenuto magari culturalmente inferiore. Questo ha creato quello che in tutto il mondo vediamo al giorno d’oggi, e non da oggi. La recente crisi sanitaria ha se vogliamo amplificato il problema, che era già ben presente prima. Occorrerebbe fornire la possibilità di aiutare sul posto le persone, offrendo del lavoro, delle opportunità di sviluppo, in modo che non debbano morire di fame e abbiano quindi la necessità di fuggire dai posti dove sono nati. Qualche piccolo passo in questa direzione è stato fatto, ma sono solo briciole, ci vorrebbe ben altro! Il problema è che al giorno d’oggi con tutti i problemi che abbiamo a casa nostra, intesa come Italia, questo tipo di programma appare ben lontano dall’attuarsi. Si spera che in futuro si tenga in considerazione anche questo tipo di iniziative..

    "Mi piace"

    Rispondi
      1. Giusy Autore articolo

        Lo so lo so.. noi po’…ne sappiamo qualcosa 😂 è stato interessante vedere come il post sia passato e “non visto”.. mi fa pensare ancora e ancora.. ma.. è tardi mo.. Con la luce forse sarà tutto diverso😁.. (risate amare)

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...