Parole al metronomo: lettura ritmica.

Photo by Florian G on Pexels.com

Mi è spesso capitato -in maniera piuttosto intuitiva- di battere il tempo quando in presenza di bambini o persone care, notavo difficoltà nella scansione di alcune lettere, parole o se notavo una certa “confusione” nell’eloquio (immaginiamo a tal proposito quei bambini che sembrano quasi mischiare le parole fino a sentire, in un certo senso, la lingua confondersi e perdersi).

Leggendo ho avuto poi modo di sapere che la mia intuizione ritmica è in realtà un metodo utilizzato in America e in Giappone.

A Brainworks, una scuola all’avanguardia in Texas, capita spesso di udire bambini che presentano difficoltà nella lettura, leggere ad alta voce mentre un metronomo batte loro il tempo (alla velocità di 60 battute al minuto).

Analogamente in una scuola di Tokyo accade che gli insegnanti suonino musica classica (giapponese o popolare) durante le lezioni di lingua, per fissare l’apprendimento e permettere ai bambini di sviluppare le loro capacità linguistiche.

Mentre gli insegnanti suonano, i bambini imparano a scrivere il kana (alfabeto fonetico giapponese) con pennelli larghi 7/10 cm immersi in acquerelli (a cui poi saranno sostituiti gradatamente pennarelli più piccoli e successivamente pastelli). I bambini, quasi come immersi nel pieno di una danza, imparano accompagnando il gesto grafico con un ampio movimento del braccio a cui si mescola il sottofondo del suono del fonema recitato ad alta voce.

Dal ritmo, alla voce, a una scrittura via via più minuziosa e raffinata.

Il tutto costantemente circondati dal ritmo e dalla melodia.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

6 pensieri su “Parole al metronomo: lettura ritmica.

  1. andream2016

    Sembra ormai assodato da tanto tempo che la componente ritmica della musica sia innata negli umani. Non a caso la musica puramente ritmica accumuna un po’ tutti gli esseri umani a differenza della parte melodica. Non mi stupisce quindi che i bambini trovino giovamento quando sono immersi in un background ritmico, anche se totalmente regolare come quello prodotto da un metronomo.

    Piace a 1 persona

    Rispondi
    1. Giusy Autore articolo

      Esatto Andrea! Ne ho scritto spesso della nostra nascita nel ritmo (vedi battito materno) e trovo sempre affascinante queste ricerche che continuano ad avvalorare l’importanza del “battito”.

      Piace a 1 persona

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...