La “falsa” Prigione di Stanford – la ricerca di Zimbardo.

Stamattina vi ripropongo un articolo su un esperimento molto famoso di Zimbardo del 1975 che ha aperto a molte discussioni scientifiche e non, e che ha addirittura ispirato la realizzazione di film e serie televisive. “Secondo voi è possibile che persone inizialmente del tutto “normali” possano a causa dell’influenza della situazione e del ruolo sociale che ricoprono cambiare e diventare qualcosa di assolutamente diverso? ”
Buona lettura!

ilpensierononlineare

Secondo voi è possibile che persone inizialmente del tutto “normali” possano a causa dell’influenza della situazione e del ruolo sociale che ricoprono cambiare e diventare qualcosa di assolutamente diverso? Quale situazione può indurre una persona ad arrivare a modificare persino tratti della propria personalità e del comportamento?

C’è una ricerca del 1975 portata avanti da un noto Psicologo e professore di psicologia sociale della Stanford University della California, Philip Zimbardo che ci offre la possibilità di rispondere a queste domande e dimostra in maniera piuttosto forte quanto le situazioni in cui gli individui si trovano e i ruoli che assumono possono condizionare cambiamenti inaspettati negli individui.

(lZimbardo affermò, negli anni duemila a seguito di un tentativo di replicazione del suo esperimento, che secondo i criteri e gli standard attuali, questo esperimento verrebbe considerato non etico e sconsigliò e non approvò eventuali repliche).

Sala delle guardie – Immagini dell’esperimento – Philip…

View original post 1.175 altre parole

4 pensieri su “La “falsa” Prigione di Stanford – la ricerca di Zimbardo.

    1. Gennaro Autore articolo

      Ciao Max, si infatti, questo esperimento ha poi dato il via a tutta una serie di discussioni anche in ambito psicologico e sociale sul comportamento umano e le sue “deviazioni” in situazioni difficili e particolari, come nel caso della prigione.

      Piace a 2 people

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...