Pillole di Psicologia: Gustose Tentazioni..

 “Posso resistere a tutto tranne che alle tentazioni”.

Oscar Wilde

Uno dei principali problemi che possono avere le persone “costrette” ad un regime alimentare restrittivo (una dieta), è che se si cade in tentazione, dopo giorni e settimane di rigide privazioni, si è più inclini all’abbuffata. Diversi studi hanno infatti dimostrato che le persone che sono convinte di aver in qualche modo infranto le regole rigide della propria dieta (cedendo ad una tentazione), saranno più inclini a perdere l’autocontrollo e quindi abbandonarsi ad una scorpacciata (“tanto ormai ho già ceduto con quel dolce; oggi è andata così, tanto vale godermi il resto delle pietanze”).

Alcuni regimi alimentari prevedono la completa abolizione di alcuni alimenti e cibi che consideriamo tra i nostri preferiti. Nel momento in cui vi rinunciamo la nostra mente svilupperà un desiderio profondo nei confronti di quegli alimenti, fino a sognarli di notte. La preoccupazione per il cibo è l’inevitabile conseguenza di ogni dieta.

Questo fenomeno è detto “effetto rimbalzo” e si può verificare ogni volta che, sopprimendo un pensiero, ne incrementiamo automaticamente la ricomparsa, anche se indesiderata.

Quindi ciò fa pensare che tutti i tipi di proibizioni rigide, non hanno un effetto realmente positivo sul corretto mantenimento di un regime alimentare sano, ma paradossalmente fanno da effetto boomerang. Non appena l’alimento viene proibito il desiderio nei suoi confronti aumenta moltissimo. Chi usa la strategia delle restrizioni per perdere peso finisce per consumare quantità maggiori di cibi proibiti.

Quindi pare necessario un equilibrio, concentrarsi su ciò che piace del proprio corpo, mettendosi obiettivi realistici e non pretendere cambiamenti troppo repentini. Introdurre cambiamenti costanti, semplici e graduali, senza rinunciare e abolire intere categorie di alimenti preferiti è il modo migliore per favorire una perdita di peso duratura (è escluso da questo discorso ovviamente chi ha patologie o intolleranze alimentari, tali da dover per forza eliminare alcuni alimenti).

“Finisce bene quel che comincia male”

dott. Gennaro Rinaldi

14 pensieri su “Pillole di Psicologia: Gustose Tentazioni..

  1. maxilpoeta

    diciamo che alle tentazioni dolciarie rinuncio difficilmente, appena entro in un ristorante guardo già cosa c’è di dolce, poi scelgo il resto! 😊 però ultimamente cerco di contenermi un pochino…😋 ad ogni modo peso sempre tanto uguale da due anni a questa parte,,,😉

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  2. Giuseppe Grifeo

    Credo di aver trovato la soluzione giusta a inizio 2011, nessun “miracolo”, quella che sto ripetendo da un mese e mezzo: continuo a mangiare tutto, ma a metà porzione. Mantengo la varietà, non c’è un piatto, un alimento proibito che diventi obiettivo di desideri. Un po’ più di limitazione l’ho attuata solo con i formaggi. Tolto il periodo strettamente iniziale, la cosa prosegue con tranquillità anche psicologica, tanto da limitarmi automaticamente anche quando mi invitano a pranzo o a cena. Nel 2011 in tre mesi e una settimana persi oltre 15 chili. Questa volta in circa 45 giorni ho perso sei chili. Potrei dire di aver trovato uno strumento equilibrato e che non mi fa cadere in raptus. Confesso che se un paio di volte in pranzi con amici sono andato oltre, la sera ho compensato con uno yogurt o un tè verde… e la cosa non mi è pesata: mi sono sentito come avessi mangiato. Miracolo no, ma varietà e nessuna limitazione sulla tipologia di cibo

    Piace a 2 people

    Rispondi
    1. Gennaro Autore articolo

      Ciao Giuseppe. La tua esperienza rispecchia pienamente quello che intendevo nel post. Il senso è proprio questo: evitare la ricerca disperata del “miracolo” attraverso rinunce esasperate e disperate. La chiave è raggiungere un equilibrio alimentare con una dieta varia e spensierata, ma corretta e senza digiuni di aspirazione ascetica.

      Piace a 1 persona

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...