18 pensieri su “Potenziale d’azione: dal neurone alla musica, la straordinaria vita di Oliver Sacks.

  1. Pingback: L’importanza della “storia” del malato | ilpensierononlineare

  2. andream2016

    Per me è stato un grande, da tutti punti di vista. Fa un po’ impressione che persone i cui libri mi hanno accompagnato per una buona parte della vita non esistano più. Una cosa è leggere i libri di una persona già morta, altra cosa leggere libri man mano che vengono scritti. Con Oliver Sacks è stato così, aspettavo sempre un suo nuovo libro, ed ora so che non ce ne saranno altri. Anche se è difficile spiegarlo, per me è come se fosse una doppia morte, quella della persona e quella dello scrittore. La stessa cosa mi è accaduta con altri scrittori, scienziati e musicisti. So ad esempio che mai potrò ascoltare una nuova canzone di Faber, oppure di Battiato e ciò mi fa soffrire. Certo sarebbe bello che Oliver Sack avesse scritto tanti altri libri, in attesa di pubblicazione (uno di questi, temo l’unico purtroppo, lo sto leggendo ora), sarebbe come se lo scrittore Sacks stesse sopravvivendo all’uomo Sacks. Chissà se morirò nel pieno delle mie facoltà mentali, spero comunque di poter morire come Sacks senza rimpianti, sapendo di aver ricevuto tanto ma anche di aver dato qualcosa.

    Piace a 2 people

    Rispondi
    1. Giusy Autore articolo

      hai espresso perfettamente un pensiero che faccio mio ogni volta che un pezzo di cuore va via. questi artisti o pensatori camminano parallelamente alla nostra vita; diventano compagni di viaggio, di crescita personale o qualcosa cui aspirare (di essere) nel futuro. Buona serata, Andrea! 🙂

      Piace a 1 persona

      Rispondi
      1. Giusy Autore articolo

        😊 nnahhh☺️ però merita di essere conosciuto, fidati. Il linguaggio è molto fruibile..al massimo puoi prendere qualche altro libro.. in ogni caso una possibilità la merita 😊 parola di red🤣

        "Mi piace"

      2. Giusy Autore articolo

        Certo certo! Sono fondamentalista io 😂 me lo riconosco . . Ancora devo staccarmi dall’idea del profumo della carta e della ricerca -di me- tra le pagine che girano. Mai dire mai, però 😁

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...