“Non ti scordare/Non dimenticare.”

Farò una cosa che non sopporto: tradurre la lingua madre.

Non si tratta di presunzione ma il suono (il significante) prende il sopravvento sul significato (che può avere per ciascuno connotazione personale). Ciascuno può ascoltare un brano e darvi il significato che più ritiene giusto; questo è lo straordinario potere della musica.

Quando suonavo -durante la pratica di accompagnamento pianistico- i cantanti (asiatici e russi in particolare), dicevano: “No..no… No Verdi… Canzone!”.

Erano in conservatorio per cantare la musica napoletana che tanto li allettava. Magari non capivano nulla del testo ma armonia e melodia li conquistava sempre (con buona pace del Maestro e del cazziatone che puntualmente arrivava. Ma Maè… quant’è bell cazzeggiare sulla minore -armonica- napoletana!?).

Ora… prima che il mio noto inconscio prenda altre vie, ci dedico un (super) pezzone! In una versione leggermente diversa dall’originale che -credetemi- merita…

“Nun te scurdà” è un brano degli Almamegretta che ho già condiviso. E’ del 1995 ed è stato considerato dalla rivista Rolling Stone il 36° album (su 100) più bello di sempre.

‘E ssentevo quanno ero figliola, ‘o cchiammavano ammore (Le sentivo quando ero bambina, lo chiamavano amore)
Chellu fuoco ca te nasce mpietto e ca maje se ne more (quel fuoco che ti nasce nel petto e mai muore)
‘E ccumpagne parlavano zitto ‘e na cosa scurnosa (le amiche parlavano silenziosamente di questa cosa imbarazzante, intima)
Ca na femmena ‘a fa sulamente ‘o mumento ca sposa (che una donna fa solo quando si sposa)

E pure si sposa nun songo stata maje (e anche se non sono stata mai sposa)
Saccio comme volle ‘o sanghe e ‘o core sbatte forte assaje (so come ribolle il sangue e come il cuore batte forte)
Quanno ‘a voce d’a passione chiamma a te (quando la voce della passione chiama te)
Quanno zitto int’ ‘a na recchia tu te siente ‘e murmulià (quando silenziosamente nell’orecchio senti mormorare)

Nun te scurda’ nun te scurda’ (non dimenticarti)
Nun te scurda’ pecché sta vita se ne va (non dimenticarti che questa vita se ne va)
Nun te scurda’, maje ‘e te (non dimenticarti mai di te)

MNun te scurda’ nun te scurda’ (non dimenticarti, non dimenticarti)
Nun t’ ‘o scurda’ pecché si no che campe a fa’ (non dimenticarti altrimenti che vivi a fare)
Nun te scurda’ ‘e te maje (non dimenticarti mai di te)

E tanto ‘e llammore ca ‘a sciorta m’a miso int’ ‘e mmane (è tanto l’amore che la sorte mi ha messo nelle mani)
Ca ‘o vvengo e ‘a ggente pe’ chesto me chiamma puttana (che lo vendo e per questo la gente mi chiama puttana)
Nun’aggio maje saputo sta’ carcerata int’ ‘a casa (non sono mai saputa restare chiusa, carcerata in una casa)

e n’ommo ca capeva chesto nun l’aggio truvato (e un uomo che capisse questo non l’ho mai trovato)

A chi me schifa dico vuo’ vede’ (a chi prova disgusto dico vuoi vedere)
Ca ‘o cuorpo tu t’ ‘o vinne comme a me (che il corpo tu non lo vendi come me)
Nun me suppuorte e chest’ ‘o ssaccio già (non mi sopporti e questo già lo so)
I’ songo ‘o specchio addÙ nun te vulisse maje guarda’ (io sono lo specchio dove non ti vorresti mai guardare)

Nun te scurda’ nun te scurda’
Nun te scurda’ pecché sta vita se ne va
Nunte scurda’, maje ‘e te

Nun te scurda’ nun te scurda’
Nun t’ ‘o scurda’ pecché si no che campe a fa’
Nun te scurda’ ‘e te, maje

Mamma, puttana o brutta copia ‘e n’ommo (mamma, puttana o brutta copia di un uomo)
Chest’è na femmena int’ ‘a chesta parte ‘e munno (questo è una donna in questa parte del mondo)
Ca quanno nasce a cchesto è destinata (che quando nasce a questo è destinata)
E si ‘a cummanna ‘o core d’ ‘a ggente è cundannata. (e se la comanda il cuore, dalla gente è condannata)

Mamma, puttana o brutta copia ‘e n’ommo
Avesse voluto ‘e cchiù int’ ‘a chesta parte ‘e munno (avrei voluto di più da questa parte del mondo)
Apprezzata no p’ ‘e mascule sgravate (apprezzata non per gli uomini dati al mondo/partoriti)
no p’ ‘e chisto Cuorpo bello no p’ ‘e mazzate che aggio dato (non per questo bel corpo, non per le botte che ho dato)
Sulamente pecché femmena so’ stata (solo perchè sono stata una donna)
E nu catenaccio ‘o core nun me l’aggio maje nzerrato (e una catena, il mio cuore, non l’ho mai chiuso)
Sulamente pecché femmena so’ stata (solo perchè sono stata una femmina)
Sulamente femmena…

Nun te scurda’ nun te scurda’
Nun te scurda’ pecché sta vita se ne va
Nun te scurda’, maje ‘e te

Nun te scurda’ nun te scurda’
Nun t’ ‘o scurda’ pecché si no che campe a fa’
Nun te scurda’ ‘e te, maje.

Nun te scurda’ nun te scurda’
Nun te scurda’ ‘e te, maje

Nun te scurda’ nun te scurda’
Nun te scurda’ ‘e te, maje.

Non dimenticarti… altrimenti: che vivi a fare.

Dott.ssa Giusy Di Maio.