Pensare è complesso

Pensare e riflettere, richiede tempo e spazio mentale, molta emotività e un bel pezzo di empatia. Non è semplice, richiede molte energie e un grande coinvolgimento personale.

Buona Visione !

Pensare è difficile – ilpensierononlineare – YouTubeShorts

#psicologia #crescitapersonale #Jung #cambiamento #salutementale #salutepsicologica #salutepsichica #mentalhealt #benesserepsicologico #psicologiaebenessere #psicoterapia #ilpensierononlineare

“Finisce bene quel che comincia male”

dott. Gennaro Rinaldi

15 pensieri su “Pensare è complesso

  1. Q.M.

    Nel fondo di questa affermazione non sono troppo in accordo. Basicamente perche i pensieri vengono da soli, non c’è un’agenda mentale con l’ordine dei pensieri che vogliamo avere nel giorno, nemmeno domani o la settimana prossima. Non facciamo noi i pensieri, appaiono nella mente e una volta lì, diciamo “ho pensato”. Non facciamo noi la respirazione, respiriamo e diciamo “sto respirando”. Il pensiero è secundario a l’azione. Un’altra cosa è il pensiero di tipo prattico, devo prendere il treno e faccio i passi necessari, prendo la macchina, il biglietto, etc…ma se quando vado cammino a la stagione mi viene in mente la mia “ex”¿chi li ha detto di venire?

    Piace a 1 persona

    Rispondi
    1. Gennaro Autore articolo

      Ciao Quirico, grazie sempre per le tue interessanti riflessioni.
      In realtà nel video io faccio riferimento al pensiero inteso come riflessione, cioè pensare ad un livello più elevato. (perché poi mi riferisco al pregiudizio e al giudizio di alcune persone su altre..)
      La riflessione di cui parlo ha a che fare con il pensare sul pensare.
      In Psicologia parliamo di Metacognizione e cioè la capacità di poter pensare e riflettere sui propri stati mentali, di poter “controllare” i propri pensieri e quindi conoscere e dirigere anche i nostri processi di apprendimento.
      Poi ci sono tanti livelli di pensiero come ad esempio quelli procedurali che regolano e gestiscono le azioni (come prendere il treno, il biglietto, guidare l’auto); i processi cognitivi che regolano le nostre attività fisiologiche (respirare ad esempio) in genere non sono consapevoli.
      Inoltre il pensiero non è propriamente secondario all’azione. Noi quando agiamo un azione nel mondo siamo quasi sempre consapevoli di ciò che facciamo e quindi per questo produciamo un pensiero che precede (seppur di pochissimo, a volte) l’azione.
      Il pensiero è un’attività cerebrale che ci permette di comprendere, “metabolizzare” e “organizzare” il mondo che ci circonda (esterno) e il nostro mondo interno. Proprio per questo è un’attività complessa, perché è legato ad altre attività cognitive come la percezione, le emozioni, il linguaggio, le motivazioni, le azioni…
      L’attività del pensare comprende diverse attività mentali come: riflettere, ricordare, immaginare, fantasticare, ragionare, risolvere problemi, costruire ipotesi sul mondo (pensiero deduttivo, pensiero induttivo)..

      Piace a 1 persona

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...