Archivi categoria: Psicologia e Musica

Da dove vengono i tuoi amici?

“Non  camminare  dietro a me, potrei non condurti. Non camminarmi davanti, potrei non seguirti. Cammina soltanto accanto a me e sii mio amico”

Albert Camus

(Sempre)

Dott.ssa Giusy Di Maio

21.

Tempo che i pensieri trovino contenimento -lontano- dall’eccessiva emotività, e proporrò al lettore un profilo psicologico (profiling) di coloro che aprono il fuoco interrompendo per sempre il libero fluire della vita di un altro essere umano, rendendo tutto tremendamente disumano.

21 vite.

21 motivi “per…”

21 scuse.

21 famiglie interrotte per sempre.

21 …

Quanti proiettili ?

Sangue.

21.

Dott.ssa Giusy Di Maio

Thomas.

Molto probabilmente tutti abbiamo fatto un gioco semplice e rilassante: scrivere con il dito su di un vetro appannato.

Quando il vetro si appanna (volontariamente soffiando il nostro caldo e umido respiro sulla superficie), oppure a causa del contatto tra caldo e freddo di due ambienti, il vetro/specchio si appanna e noi cominciamo a scrivere/disegnare su di esso.

L’azione dello scrivere qualcosa che poi, dopo poco va via, mi ha riportata al gioco del nipotino di Freud.

Un attento Freud, aveva notato uno strano gioco che il nipotino faceva in assenza di sua madre.

Il bambino ha 18 mesi e pronuncia alcune parole che hanno un senso, almeno per coloro che si prendono cura di lui: “Fort/Da”; l’attenzione di Freud va quindi su un’azione che il piccolino compie nel mentre esprime questi fonemi; un’azione giocosa che il bambino ripete in modo relativamente invariabile, azione a cui associa l’emissione proprio dei due fonemi ben distinti.

Il bambino sta giocando con un rocchetto (un piccolo telaio di legno a cui avvolgere dei fili di tessuti); il rocchetto viene lanciato dal bimbo sotto al letto fino a farlo scomparire per poi essere tirato nuovamente a sé per farlo riapparire.

E’ proprio durante questa azione che vengono emessi i due fonemi precedenti “Fort- Via” e “Da- Qui”.

Per Freud questo gioco, consentiva al bambino di agire la sparizione e l’apparizione materna.

Questa funzione viene associata alla coazione a ripetere. Con questa formulazione Freud intende la tendenza inconsapevole a riproporre, tramite gesti e azioni quotidiane, una sorta di schema, script o modello presente nel mondo interno del bambino, che in passato avrebbe generato una sofferenza.

Per Freud il gioco mostrava che il bambino aveva raggiunto la rappresentazione simbolica della relazione con la madre simulando, con il rocchetto, l’abbandono della madre (che era assente) e il suo ritorno (quando il rocchetto riappariva da sotto il letto).

Siamo giunti al punto in cui, molto probabilmente il lettore si starà chiedendo cosa c’entra lo specchio appannato e Thomas.

Ma chi è Thomas? e Tu…

Lo conosci?

Thomas è l’amico che tutti abbiamo avuto e che all’improvviso è sparito; è quel nome sullo specchio e sul vetro che ci ha fatto compagnia per un tot del nostro destino, per poi svanire.

Thomas è quel rocchetto che fino ad un certo punto è tornato, è stato con noi, è stato in noi poi.. ha deciso di recidere i fili e -lacerando il tessuto dei nostri sentimenti- è andato per la sua strada.

Nei miei incontri di consultazione i pazienti lamentano sempre di più la difficoltà nel mantenere un rapporto chiaro, serio e leale di amicizia.

E l’amicizia è sacra per davvero.

L’investimento emotivo richiesto dal gioco dell’amicizia richiede un mettersi a nudo che è ben diverso dal denudarsi delle relazioni erotiche instaurate con il partner; l’amicizia è mare aperto.

Non conosce confini, orizzonti stabiliti o tempeste fagocitanti.

Quel che non resiste non è amicizia, ma una parola qualunque pronta a scomparire al primo vento che entrando nella stanza, ristabilisce il normale tasso di umidità e libera i vetri dalla condensa che appanna.

Quel che sparisce non resta e ciò che non resta non è (stata) amicizia.

Il riferimento è a Thomas Isidore Noël Sankara, ex presidente del Burkina Faso, assassinato a 37 anni in un colpo di stato dal suo più̀ caro amico. Il triste episodio si è verificato ad una cena in cui, all’improvviso, dopo mangiato, il suo assassino gli sparò in testa. Thomas ebbe solo il tempo di dire: ‘Ma come, proprio tu che sei il mio migliore amico mi uccidi?'”. Roberto Colella a areanapoli.it

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio

Crescita creativa: fidarsi e affidarsi.

La crescita è un processo piuttosto complesso che reca la sua complessità nell’etimologia stessa del termine.

Crescere deriva infatti dal latino e dalla stessa radice di “creare”: cresco, quindi creo.

Diventando più grande, sviluppo (si spera in meglio ovvero nella migliore delle loro possibilità), le mie qualità.

Crescendo, creo la versione migliore di me.

La crescita non è soltanto un processo legato all’accrescimento -ad esempio- delle parti del proprio corpo (altezza, peso, forma), ma indica un processo (creativo) che si situa al confine tra l’ambiente e l’organismo.

Tra me e l’ambiente (fisico) e il campo psicologico in cui sono immerso, si situa quel processo creativo che permette crescita, sviluppo e creazione del mio Io.

Crescere è un atto di fiducia; ci si fida e affida a sé stessi certo, ma anche (e soprattutto) al prossimo.

I genitori che chiedono una consultazione per i propri bambini, portandoli in studio come fossero pezzi di un puzzle da riunire/comporre, perdono la fiducia nei propri bambini.

Il disagio va riconosciuto e accolto ma va -per prima cosa- rispettato.

Troppi genitori pensano ai figli come “giocattoli rotti”, dimenticando che l’elicitazione di un disagio è una richiesta silenziosamente urlata che merita ora, dal genitore, fiducia.

Il genitore deve -ora- fidarsi e affidarsi; fidarsi del proprio bambino e del terapeuta; affidarsi al terapeuta.

Crescere è un atto di creazione costante e continuo, spesso discontinuo vero… ma è pur sempre un movimento che non si arresta con il raggiungimento dell’età adulta.

Se ci pensiamo bene anche il corpo non resta mai nella forma fisica raggiunta “ad una certa età”, ed ecco che anche le esperienze che quotidianamente viviamo, continuano ad avere influenza su di noi: sulla nostra psiche.

E allora più che ai puzzle (che non ho mai sopportato perché non trovo il piacere di far combaciare in forme e pezzi prestabiliti una figura prestabilita), ritorniamo alla possibilità di essere come i semi.

Piantiamo da qualche parte il nostro seme, la nostra essenza, che attecchirà in un terreno che avrà costantemente bisogno di cure, nutrimento e attenzione.

Crescere è il nostro atto creativo quindi -rivoluzionario- perché la creazione ha sempre con sé una piccola quota di rivoluzione.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio

LiberAzione.

E chi dimentica…

ilpensierononlineare

Meglio dormire libero in un letto scomodo che dormire prigioniero in un letto comodo.”
Jack Kerouac

Il brano proposto è la sigla del film/documentario uscito a Dicembre 2015 con l’intento di far luce (e portare attenzione) sul caso dell’insegnante elementare di Castelnuovo Cilento sottoposto a TSO il 31 luglio e rinchiuso nel reparto psichiatrico del Vallo della Lucania, dichiarato poi morto il 4 agosto.

Sei medici sono stati, successivamente, condannati.

All’interno del brano viene citata “Addio Lugano bella”.. perché nessuno ha il diritto di prelevare, legare, imbavagliare e costringere un altro essere umano.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

View original post

Certe relazioni.

Certe relazioni hanno bisogno dei pensieri; sono quelle in cui c’è il corpo ma manca la dimensione del pensarsi, primo tassello per esser(ci).

Certe (altre) relazioni, mancano di corpo ma vivono nel pieno della dimensione del pensiero; un pensiero precursore di un corpo (azione) che forse, sarà.. (sarà coppia? sarà emozione? sarà tempo?)

Certe relazioni hanno solo bisogno di essere relazioni.

Dott.ssa Giusy Di Maio

Tono e Modo dell’opinione.

“Spesso contraddiciamo una opinione mentre ci è antipatico soltanto il tono con cui essa è stata espressa.”

FRIEDRICH WILHELM NIETZSCHE

Questa frase mi è ritornata alla mente in seguito alla conduzione di un colloquio.

Come spesso accade i due non sembravano trovare un minimo punto di incontro persi com’erano a barcamenarsi in maniera piuttosto ondosa e tempestosa, tra le rispettive opinioni.

I toni erano sempre alti, presuntuosi (da ambo le parti) e ridondanti..

La continua enfasi posta “alla mia ragione”, rendeva vana ogni possibilità di spostare l’attenzione al contenuto della discussione.

(A parlare è una coppia indecisa sul procedere o meno con una separazione; l’astio è forte poiché lei non riesce a perdonare lui che per 2 anni ha avuto un’amante).

D’un tratto dopo un momento di pausa e un fortissimo pianto, il suono dei pensieri prendere il sopravvento sul rumore del parlato (vuoto) per ristabilire il tono .

“Ecco cosa non ti ho detto”…

(Barcarola, in musica classica, indica una composizione che evoca il modo ondeggiante delle imbarcazioni..)

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.