Archivi tag: chiedere aiuto

Aiutare gli altri per aiutare se stessi. Gli aspetti psicologici del volontariato.

Avete mai fatto attività di volontariato? Sapete che la maggior parte delle attività di volontariato, se ben centrate sulla persona che vi partecipa, possono portare grandi benefici?

Sono infatti numerose le ricerche che dimostrano che le attività di volontariato oltre ad essere utili alla società, possono anche migliorare la soddisfazione e la salute di chi dedica una parte del proprio tempo agli altri. Quindi il beneficio sarà ben distribuito, tra chi beneficia dell’aiuto e chi invece lo offre.

Secondo diverse indagini statistiche, le persone attive sul volontariato tendono ad avere un umore migliore e tendono a sentirsi meglio fisicamente, rispetto a persone che non fanno volontariato. Questo effetto è più evidente quando il volontariato diventa parte integrante della propria vita. L’impegno sociale può alleviare in parte lo stress proveniente dall’ambiente lavorativo. Infatti in alcune ricerche è emerso che le persone in età lavorativa, che svolgevano una professione a tempo pieno e insieme dedicavano una piccola parte del loro tempo al volontariato, riuscivano a distrarsi dalla routine lavorativa, si arrabbiavano di meno, erano più attenti alle esigenze dei colleghi e si prestavano più facilmente all’ascolto dell’altro.

Photo by C Technical on Pexels.com

Quali sono questi vantaggi e perché?

Chi si dedica al volontariato, in genere si inserisce in un contesto sociale e in un gruppo che è composto da persone che possono avere interessi comuni; ci si relaziona molto, ci sono tanti confronti e si lavora spesso e volentieri in gruppi e squadre. L’inserimento in questi contesti può quindi dare tanti vantaggi psicologici alla persona che ne fa parte; ad esempio ci si distrae dalle preoccupazioni, perché lo stare insieme agli altri riduce il tempo che una persona può passare a rimuginare su un pensiero brutto.

Altro elemento importante riguarda il “senso di appartenenza” e la convinzione che ciò che si sta facendo è molto importante per gli altri e per la propria comunità. Immergendosi in questo contesto si hanno conferme e feedback dagli altri, quindi il proprio impegno ha un senso tangibile.

Photo by RODNAE Productions on Pexels.com

Altro vantaggio riguarda l’aspetto puramente sociale. Il volontariato permette di ampliare le proprie conoscenze, le proprie relazioni d’amicizia e il proprio bagaglio culturale. Tutto ciò stimola la fiducia nelle proprie capacità e favorisce un atteggiamento più ottimista verso la vita. Addirittura alcuni studi hanno osservato che impegnarsi nel volontariato in periodi in cui si è in cerca di un’occupazione, aveva un effetto positivo, che poteva aiutare anche nell’obiettivo finale della ricerca.

Ovviamente come in tutte le attività alcune volte capita che le aspettative sull’attività del volontariato e sul gruppo di persone che incontrano, non corrisponda alla realtà dei fatti e ciò può indurre le persone a vivere negativamente l’esperienza del volontariato. Le persone in questo caso si sentiranno deluse e frustrate. Probabilmente in questi casi quel tipo di attività di volontariato non è pienamente compatibile con la persona e con le proprie prerogative. Insomma può essere solo una scelta sbagliata.

“Finisce bene quel che comincia male”

dott. Gennaro Rinaldi

Seguiteci anche su Twitter!!!! https://twitter.com/Ilpensierononl1

“Devo averti, anche se non mi servi”.. Che cos’è lo shopping compulsivo.

Black friday… Natale alle porte.. compleanno o semplicemente voglia di premiarsi, sono queste alcune delle situazioni in cui si sente il bisogno di concedersi un premio materiale (acquistare make-up, borse, scarpe o videogiochi). L’idea di concedersi un premio, un regalo, non è di per sé errata (specie se arriva dopo un lungo periodo di desiderio della cosa), ma in alcuni casi il meccanismo che regge la diade “desiderio/bisogno”, che per loro natura non coincideranno mai, viene sovvertito.

Salvo ulteriori specificazioni, Fonte Immagine “Google”.

Lo shopping compulsivo (sindrome da acquisto compulsivo), è un disturbo del controllo degli impulsi, caratterizzato dal desiderio compulsivo e incontrollabile nel fare acquisti. Colui o colei che ne sono affetti, sperimentano un impulso irrefrenabile nel fare acquisti che (anche se) riconosciuti come superflui, eccessivi o inutili, vengono ugualmente compiuti. Questa difficoltà a tenere sotto controllo l’impulso e il ripetersi forte e continuo degli episodi di acquisto compulsivo,comporta ingenti danni dal punto di vista economico, psicologico, sociale e familiare.

Le statistiche raccontano di un fenomeno che riguarda tendenzialmente le donne tra i 20 e i 40 anni (che hanno raggiunto l’indipendenza economica), anche se non sono esclusi gli uomini (di qualsiasi età), con una percentuale in aumento. Inizialmente queste persone sono acquirenti “normali”, intendendo con ciò il fatto che acquistino beni che realmente servono loro. Successivamente però, subentra uno stato di ansia (incontrollabile) sempre più forte tale da obbligare la persona ad acquistare qualsiasi cosa; una volta compiuto l’acquisto, però, segue un crescente senso di colpa innescato dal prendere una sorta di momentanea coscienza derivante dal vedere quanti soldi (per l’ennesima volta) sono stati spesi, proprio a causa della mancanza di controllo che ha portato all’agito compulsivo.

Dai racconti degli shopper compulsivi, viene spesso evidenziato come vi sia un bisogno (urgente e totalizzante) di ottenere “quella determinata cosa”, tanto da essere costretti a passare all’atto perchè questo bisogno è percepito come irrefrenabile. Questa spinta all’acquisto (definita buying impulse), si presenta pertanto come una spinta invalidante e distruttiva che preme per essere soddisfatta, motivo per cui i compratori compulsivi hanno l’urgenza di acquistare continuamente beni (questa spinta tuttavia, non sarà mai pienamente soddisfatta, pertanto l’acquisto sarà continuamente perpetrato).

Tale disturbo è annoverabile per somiglianze, ad altre forme di dipendenza e presenta pertanto elementi come il craving (l’incapacità di controllare l’impulso) o l’astinenza (le crisi sperimentate quando si è impossibilitati a compiere l’acquisto).

La pericolosità dello shopping compulsivo è (come accennato in precedenza) legata soprattutto alle ripercussioni che si hanno sulla vita economica, familiare, sociale e lavorativa. I continui problemi generati dall’incapacità nel controllo degli impulsi, oltre a comportare ingenti danni economici (questi soggetti possono tranquillamente arrivare ad indebitarsi, pur di continuare con i propri acquisti), sono legati anche all’ansia o alla depressione sperimentate quando ci si rende conto che si ha un problema nel controllare i propri impulsi.

Sarebbe pertanto d’uopo considerare piuttosto precocemente l’idea di rivolgersi ad uno psicoterapeuta per comprendere le radici più profonde di un problema spesso sottovalutato; perchè abbiamo continuamente bisogno di riempirci di oggetti? perchè le cose non ci bastano mai? perchè non riesco a godere di quello che già ho e devo invece sostituirlo continuamente con qualcosa di nuovo? Di cosa sento bisogno/necessità?

Dott.ssa Giusy Di Maio