Archivi tag: fine relazione

“Comunque mi manchi”

C’è un momento che arriva sempre, nel lungo processo che si snoda analogamente alla corrente di risacca, quando bisogna sistemare le cose dopo un addio.

Quando arriva l’addio senza ritorno, quello che mette fine alla presenza del corpo, resta sempre qualcosa nel piano reale che attesta la presenza di chi non c’è più.

Resta sempre un oggetto, qualcosa che rimanda al profumo, al calore, alla sensazione dell’esserci, di chi invece non c’è più. Resta quel qualcosa che resiste, per chi rimane, con la stessa funzione di un oggetto transizionale di winnicottiana memoria. Winnicott lo diceva, vi sarà un oggetto (o attività) nella vita dell’infante (un pupazzo, una copertina, un gesto, una tonalità ridondante di voce) che creerà un’aera intermedia di esperienza che consentirà al bambino di comprendere i propri e l’altrui confini corporei, un oggetto che lo aiuterà a capire il me dal non me; un oggetto che lo aiuterà quando sarà solo nel mondo, senza il supporto del caregiver.

Si tratta di un oggetto esterno al bambino che rimanda a quel contatto fusionale avuto con la madre (mentre è -ora- in stato di separazione).

Separarsi, in via definitiva, si situa pertanto come un processo, un percorso -come dicevo- e non di uno stato.

Non sono “in lutto, in separazione, in solitudine”, ma affronto il processo del lutto, della separazione e della solitudine; non mi assesto – in sostanza- sulla condizione dolorosa ma tempo al tempo, la attraverso.

Arriva quindi il momento in cui resti solo e guardi quell’unica cosa rimasta, ad esempio in casa, dell’altro.

L’oggetto ti guarda e tu per tanto tempo lo hai guardato senza conferirgli corpo e sostanza; lo strizzavi leggermente con gli occhi fingendo quasi che non esistesse, come facesse parte dell’ambiente in maniera incastonata e fissa.

Nulla permane, però, in natura nello stato di fissità.

La fissità infatti non è condizione umana (e naturale).

Finisci con l’avvicinarti all’oggetto incriminato che al solo sfiorare il tuo corpo ti fa sentire sfiorire: è quello il momento di accomodarsi di fronte l’oggetto per dirgli chiaramente come stai e come ti senti.

E’ quello il momento più difficile della separazione: relegare nel registro del simbolico, passando per l’immaginario, la cosa che reca con sé ricordi, sentimenti, passioni, anni, idee…

Ma in certi momenti, ti dimentichi pure come ti chiami, figuriamoci a render giustizia ai registri di lacaniana memoria.

Accade allora che l’oggetto va via, riposto in un luogo sicuro che diventa ora casa per lui quasi a sovvertire il legame in cui se prima era l’oggetto a consentire questo passaggio tra il me e il non me situandosi come locus transizionale, ora è il locus che occupa la cosa ad essere fonte di protezione per la cosa in sé.

Il ricordo allora prende il sopravvento incistandosi nella pelle come poro conferito al corpo quando tutto ebbe origine.

“Mi manchi, Ti Amo”

Paroline misere per costruzione ma dallo straordinario potere spaventoso.

Perché fa così paura dire “mi manchi e ti amo?”

“Oh che stai facendo?”

“Aspè.. sto scrivendo il resoconto del colloquio”

“Scrivendo?”

“Eh…”

“Ma scrivi ancora, tu?”

“In che senso? -Rido-“

“Io uso I….”

“Rido ancora fingendo di aver capito ma di fatto, la tecnologia per me resterà un mistero ed essendo pessima a fare i bluff, anzi.. notoriamente incapace, è palese il mio non aver capito”

“Guarda.. io parlo e questo scrive. Minimo sforzo massimo risultato!”

“Ah.. il massimo della ricotta* ho capito”

“Ja.. muoviti. Ci facciamo una pizza?”

“Dipende… cartone in mano, sigaro, birra ghiacciata e gradino sul mare?”

“Nooo… ristorante comodamente seduti con musica live”

“Madonna e come siamo diversi -rido- Non fa per me, lo sai”

“A domani”

“Ciao!”

Comunque: mi manchi.

*Gergo partenopeo -a dire il vero- anche un po’ volgare, ma nell’informalità tra amici si usa molto

Dott.ssa Giusy Di Maio

Coppia in viaggio: coppia in terapia (caso clinico).

La terapia di coppia si situa come un viaggio complesso e articolato; un viaggio dall’itinerario ma – soprattutto- dal destino sconosciuto perché (come a breve vedremo), sconosciute sono, nella maggior parte dei casi, le risorse che i singoli in gioco (la diade/coppia) hanno.

Quando studiavo ed ero ancora molto lontana dal mondo della clinica applicata (perché è bene rimarcare che la famosa pratica la si comincia tempo dopo, nel migliore dei casi con il tirocinio osservativo*), mi ero formata il pensiero di non esser capace di poter prendere in carico le coppie. Nella delicata fase fatta dalle fantasie di quella che sarebbe poi diventata una clinica a tutti gli effetti, si aggiravano strani pensieri sulla possibilità di violare la delicatezza fatta da quel letto di fiume, ormai secco, che era lo spazio di condivisione della coppia.

Tempo dopo, le mie nebulose idee hanno trovato la loro giusta collocazione.

Che cos’è allora la terapia di coppia?

Due persone decidono di essere coppia sentendo l’unicità del sentimento, della passione e della relazione che li unisce. Due individui sentono di restare due percependosi uno per l’unicità che li contraddistingue, per l’erotismo che li accompagna, per la possibilità di sentirsi “unici, speciali, totali”.

Essere, percepirsi, sentirsi, una sorta di triade che accompagna la pienezza del sentimento amoroso. Ti sento anche -e soprattutto- quando non ci sei, mi sento unito a te, come tua filiazione emotiva anche – e soprattutto- quando non ci sei.

Il corpo del partner diventa una mappa geografica, una cartina dai più disparati confini dove orientarsi; dove puoi giocare ad essere una invisibile bussola che ruota l’ago perdendosi e ritrovandosi, scoprendo -nel mentre- sempre numerosi (nuovi) posti.

Nessun corpo sarà mai realmente casa, come il corpo dell’amato di cui ne conosci angoli e funzionamento, nel picco del sentimento, anche meglio del tuo stesso corpo.

Accade, tuttavia, che nella velocità del tempo del consumo (il tempo presente), le coppie si assestino su una vita che è ben poco fatta di ricerca , di con-divisione; si finisce per cercare altrove, nell’altro da te (che poi è altro da me), qualcosa o qualcuno.

Molte coppie sono insieme non per reale unione e commistione del sentire emotivo, erotico e relazionale, ma per bisogni secondari (relazioni che si assestano su un legame quasi fraterno; necessità di vivere sotto quella casa; necessità di tenere insieme il tutto per questioni familiari; figli; lavoro) e così via.

Nascono, in tal modo, incomprensioni così forti da rendersi persino visibili, Spesso durante le terapia di coppia sembra vedere uno dei partner mordere avidamente l’altro fino a farlo sanguinare; c’è rabbia, aggressività e cattiveria il tutto celato dal dolore.

Perché chiedere, allora, il supporto di un esperto?

La terapia di coppia non va vista come un qualcosa dall’esito certo: allora restiamo insieme vs. divorzio.

La terapia di coppia è la messa a disposizione di uno spazio neutro (quello del setting terapeutico condotto dal terapeuta stesso o da una coppia di terapeuti in coterpia), uno spazio per pensare, pensarsi, analizzare e analizzarsi.

Si ripensa alla propria storia (personale, di coppia e familiare), si evidenzia il nodo cruciale (quello che ha spinto la coppia a porre la domanda di supporto) per poi procedere analogamente ad una vanga per smuovere il terreno, rompere le zolle e cercare piccoli semi da ripiantare e crescere con cura. La vangatura può però evidenziare l’assenza di questi semi e può, invece, mostrare un terreno arido, secchissimo; possiamo pertanto prendere atto del fatto, e decidere di andare altrove a trovare nuovi semi lavorando sulle proprie personali risorse interne (risorse che ora, escludono l’altro diventato ormai l’estraneo/straniero).

La terapia di coppia può pertanto essere un supporto per aiutare la diade a dirsi addio, ad analizzare la propria storia, a trovare o ritrovare l’inizio del capitolo che li fece conoscere e ri-conoscere nella folla.

Le terapia di coppia può aiutare la coppia nella delicata e dolorosa fase della separazione, cercando un modo per comunicare e comunicarsi specie in presenza di bambini o adolescenti cui dover rivelare che “mamma e papà , da oggi, non staranno più insieme”.

Gerson (1996), diceva:

“Dobbiamo pensare che l’apertura a nuove informazioni richieda un attento e graduale allentarsi delle misure di sicurezza [ossia delle difese]. Questo processo sembra tuttavia essere facilitato, nella terapia, dalla presenza reale dell’altro significativo, perché in questo caso ha luogo un rimbalzo di valutazioni riflesse [immagini di sé e dell’altro] in un micro-momento cognitivoaffettivo; per esempio, la moglie, potendo vedere il marito in una luce diversa, si aspetta di poter essere a sua volta vista in modo differente e questo fa sì che lei stessa si ponga diversamente nel rapporto con lui.
(Gerson, 1996: 75).

Il cambio di prospettiva è, infatti, uno dei vantaggi che la neutralità del setting terapeutico offre alla coppia. Mi penso (quindi mi vedo) diversamente vs. ti penso (quindi ti vedo) diversamente.

Ci pensiamo – quindi ci guardiamo- diversamente.

Il lavoro analitico nella terapia di coppia non si focalizza dunque tanto sullo spazio tra analista e paziente/i quanto piuttosto sullo spazio tra i due partner della coppia. La matrice transfert-controtransfert all’interno di un setting analitico di coppia è ovviamente assai più articolata e complessa di quella del setting individuale; ciò rende necessario circoscrivere il campo di attenzione alle dinamiche più significative, ossia a quelle che si presentano con maggiore intensità e urgenza e che solitamente riguardano l’interazione tra i due partner anziché quella tra la coppia e il terapeuta. Vengono quindi prese in esame, durante i colloqui, sia le difese intrapsichiche (proiezione, identificazione, introiezione, etc), sia le difese di tipo interpersonale (che implicano spesso un gioco di ruoli), come la negoziazione isterica, il gaslighting (manipolazione psicologica), dinamica aggressore/vittima, etc.

Altro elemento cui va dato specifico rilievo in un lavoro di coppia sono i contenuti relativi al potere e all’autostima, attorno a cui si organizzano le tendenze tipiche dominio/sottomissione, sadismo/masochismo, negazione/riconoscimento e sottomissione versus abbandono. Informazioni importanti provengono, inoltre, dal controtransfert e dalla relazione “reale” poiché sono manifestazioni importanti del qui ed ora delle sedute e si situano come una visione degli schemi intrapsichici, interpsichici e interpersonali tipici della coppia.

Caso clinico.

Martina e Fabio** sono sposati da 15 anni; la coppia ha due bambine di cui la più piccola, mostra da qualche tempo (circa un paio di anni), difficoltà scolastiche e comportamentali. La bambina verrà ripetutamente definita dalla madre “ingestibile, isterica, capricciosa, oppositiva e cattiva”; della figlia più grande non sarà mai fornita descrizione o racconto.

I due sono giunti in consultazione su insistenza di lui perché Martina è ben decisa a voler lasciare il marito.

La coppia racconta di essere insieme da una ventina di anni; Martina non lavora ma svolge attività di volontariato da diversi anni mentre Fabio è un manager piuttosto in voga. La coppia non è originaria della regione in cui si trovano al momento: lui è figlio di una coppia mista cresciuto a metà tra due stati e lei è del centro Italia.

Si conoscono durante le vacanze, e dopo circa 5 anni di fidanzamento decidono di sposarsi.

Martina sacrifica (la parola sacrificio sarà continuamente evidenziata dalla donna, durante i colloqui), la sua vita per l’uomo che ama. Diventa una donna ombra del manager di successo che, dal canto suo, desiderava avere la tipica famiglia serena e sorridente fatta dalla madre chioccia che cresce i propri bambini amorevolmente.

“Non le ho mai fatto mancare niente. Per me poteva stare anche le ore intere seduta sul divano, mi bastava soltanto che fosse amorevole accogliente e protettiva”.

Fabio è molto legato alla sua famiglia di origine che non abita molto lontano dalla sua attuale casa, mentre Martina non ha contatti particolarmente caldi con la sua famiglia.

Emerge da subito anche un altro dato (oltre alle differenze del background familiare), quello della comprensione della situazione della figlia più piccola.

Martina è scoraggiata e evidenzia l’incapacità (a detta sua) degli insegnanti, nel saper comprendere la situazione di sua figlia, Fabio pensa invece che la bambina ha solo un carattere “tutto suo. Crescerà e tutto andrà meglio”.

La coppia ha un modo di valutare i “luoghi dell’esperienza del sé” ,Crastnopol, 2002, completamente diverso. Fabio rendeva – infatti- racconti della propria storia, appartenenti maggiormente alle dimensioni interpersonale o interpsichica: le sue preoccupazioni riguardavano il suo modo di gestirsi nel mondo interpersonale/sociale. Martina, invece, sembrava essere meno interessata all’adeguatezza e all’adattamento sociale e si sentiva più in contatto con la sfera emotiva intima e con i turbinii interiori della sua vita psichica. Martina si sentiva isolata e sola perché Fabio si mostrava disinteressato a parlare di questi vissuti.

Portando avanti i colloqui emergeva però, con sempre maggior forza, che Fabio non era disinteressato ad avere una relazione più profonda ed emotiva con la moglie ma che semplicemente, lo mostrava in maniera diversa.

Accadde allora un fatto interessante: nei primi mesi, i due coniugi si presentavano regolarmente in terapia parlando in maniera molto affettuosa e complice; non sembravano affatto due che erano in procinto di dirsi addio: lei scherzava e lui era affabile e affascinante.

Era questo il momento di vedere la coppia singolarmente; fu pertanto fissato un incontro individuale con ciascuno (in giorni e orari differenti).

Il giorno dell’incontro con Fabio, emerse da parte dell’uomo un rancore, una rabbia (nascosta) molto più forte di quella che provava Martina; Fabio sosteneva che Martina fosse una donna crudele completamente carente di istinto materno (Fabio desiderava una compagna che offrisse supporto, nutrimento e calore analogamente a quanto aveva fatto con lui, sua madre).

Fabio cercava un sostituto/surrogato materno.

Dall’incontro con Martina emerse invece una fortissima sofferenza ma- soprattutto- una profonda insicurezza nella donna che non si riconosceva come una madre calda, idonea, così tanto da poter realmente esser considerata meritevole di aver due bambine.

Si evidenziò, inoltre, in Martina sempre più nitidamente un senso di scarsamente coeso che lei mascherava con passioni estemporanee per “questo o quel” passatempo. Aveva tratto qualche beneficio sostenendo Fabio nella costruzione di una carriera brillante; Martina era riuscita in questo modo a provare quell’ammirazione che non riusciva a provare per se stessa. L’equilibrio era però saltato quando Fabio aveva cominciato a non tollerare più l’incapacità di Martina di impegnarsi con costanza nelle cose. La difficoltà di Fabio ad accettare questa dipendenza di Martina lo fecero ripiegare verso la difesa a lui più congeniale e a lungo perfezionata nel rapporto con la madre: mostrare una facciata amichevole e rendersi inaccessibile.

La terapia di Fabio e Martina è durata circa un anno e mezzo, alternando colloqui di coterapia a terapie a seduta singola.

Il viaggio di quella che fu una coppia, è terminato con la separazione; una separazione che era partita dalla donna, per poi esser rimarcata come bisogno necessario, sempre di più, da parte di Fabio.

I due partner hanno trovato un luogo sicuro, lontano dai pregiudizi (soprattutto personali), in cui potersi dire. Fabio continua un percorso di terapia personale mentre Martina ha capito di poter essere debole senza necessariamente sentirsi in colpa.

Quando (e se ) sarà pronta a procedere con un viaggio in cui sarà lei – e soltanto lei- l’eroina protagonista, la porta dello studio sarà spalancata pronta ad accogliere le sue fragilità ma -soprattutto- le sue straordinarie risorse, ancora da scoprire.

Ho da sempre uno straordinario amore per le mappe; non mi piace google maps ma voglio aprire quelle enormi (e difficili da richiudere), cartine delle città.

Mi piace vedere le distanza che sembrano enormi, immense tra un punto e l’altro per poi scoprire, una volta cominciato il cammino, che la distanza non era poi così tanta e che con un briciolo di avventura e coraggio, il percorso ha portato a straordinarie scoperte (che siano state di gruppo, di coppia o personali).

E’ un po’ questo a cui penso quando scopro o ascolto gli incontri tra persone.

Dobbiamo avere il coraggio di cominciare il cammino che ci porta in una data e sconosciuta direzione, per abbandonarci e scoprire che i nostri confini non erano poi così lontani.

Le mappe lo insegano: puoi raggiungere il luogo prescelto camminando per innumerevoli sentieri.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio

*di questo ne parlerò prossimamente. Mi preme ma – soprattutto- mi urge fare delle specificazioni importanti su diagnosi, “autodiagnosi” e lettura self service della psicologia.

**Nomi di fantasia

Ladro (d’amore).

“Poi è successo. E’ stato prima favola e fantasia, poi rabbia, delusione.

Fine.

E’ stato -poi- solitudine e dolore.

Assenza.

E’ stato -ancora- rimpianto.

Ricordo.

Ancora rabbia.

Non più desiderio, ma nausea costante e incessante.

Malattia.

Poi…

Ah.. poi è stata la serenità del ricordo.

Luce.

In ultimo, Doc… non è stato più.

Non è più nemmeno il ricordo del ricordo. Ho messo via, con una serenità che mai avrei immaginato anche il ricordo perché quel che è stato non mi riguarda più.

Ora mi interessa ciò che è.

Ladro d’amore.”

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

L’Ultimo bacio.

“Do.. Dottoressa posso mettere una canzone? Io… io no.. no.. non ce la faccio più”

La ragazza è una moderna Parthenope, rimasta folgorata e imprigionata nella sofferenza di un amore che – per tutta una serie di motivi- non può essere.

Piange senza sosta, bloccata fino ad annaspare poi annegare nelle lacrime; non c’è appiglio, zona franca, (semi)sicura che contenga il dolore per la fine di una relazione che dovrebbe essere fresca e leggera ma: non lo è.

“Mo’ mi resta solo questa canzone! (..) Te la posso fare una domanda, Doc? Tu.. hai mai avuto l’ultimo bacio?”

“Allora”….

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Sull’Addio..

“Non c’è niente di male nell’andarsene, Giusy…”

“Sì, ma”.. risposi

La frase citata mi fu detta durante una conversazione con una collega, in merito ad un caso che avevano seguito insieme.

Quanto può far male un addio?

Questo divenne il quesito del giorno. La mia collega (parecchio più grande di me), sosteneva che alla fin fine, un addio è un addio “arrivederci e grazie” in sostanza, e tutto torna -più o meno- come prima.

Nella mia opinione invece l’addio non è un “chi s’è visto s’è visto”; l’addio ha a che fare con l’assenza, con la sparizione, con il dolore, con la solitudine e quindi con il lutto.

L’addio fa sperimentare un crollo già avvenuto in uno stadio precedente nella vita del soggetto, analogamente a quanto Winnicott sostenne con “la paura del crollo” (ad esempio in merito agli attacchi di panico), dove la paura è -appunto- il ritorno di una paura già in precedenza sperimentata. Questa paura è inconscia in quanto si tratta di un evento passato che resta lì, come sull’uscio della porta pronto ad entrare; di questo evento (già sperimentato in passato), si ha paura, non lo si vuole ripetere anche se, non vi sono tracce di esso nella memoria (essendo relegato nell’inconscio).

Addio, non è Ciao. Ciao (ri)apre a un ritorno; è un “poi ci rivediamo, ci sentiamo”.. in sostanza è l’apertura, il tappeto che conduce alla porta che si riaprirà..

Addio è invece la serratura a cui è stato messo un lucchetto di cui non si conserva la chiave.

L’addio fa schifo, non ci sono altri termini e/o considerazioni.

Ma lo zero pulsionale non esiste; la pulsione anche quando è distruttiva e mortale è pur sempre una forza che spinge verso qualcosa.

Allora anche un Addio può trasformarsi in un nuovo “Ciao” che possiamo nuovamente offrire..

E che sia Ciao.. per tutti.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

“Si ricorda?”.

“Dottoressa ma quando ti dicono che di te non si dimenticano.. cioè.. quanto può durare il ricordo.. Quanto posso essere certa che la persona si ricorderà – per davvero- di me?”

La ragazza girava intorno a un pensiero continuo e costante “lui dice che di me non si dimentica però non c’è. E’ assente. E’ fantasma. Non so più che fare”.

Accade – spesso- che alcune persone decidano di riempire lo spazio dell’altro; uno spazio altro, uno spazio vitale che viene a perdere la sua connotazione di libertà per diventare enclave dominato dal pensiero assillante dell’altro.

L’altro intrude con (pre)potenza.

“Di me lui non si dimentica” e accade che nel mentre lui/lei sia assente il tuo spazio, riempito dagli ossessivi pensieri, diventa non più terreno noto e conosciuto, isola della propria psiche, ma terreno conquistato da una estraneità che diventa sempre più inquietante.

Nel mentre – poi- il pensiero si fa nebbia intorno al perno centrale “ma di me si ricorda?”, la eco che reca con sé, forma immagini negative e devastanti nella mente.

Il pensiero crea l’immagine e l’immagine porta la sensazione inquietante di non esser più padroni del proprio sentire.

Non potrò mai dire alla ragazza se “lui si ricorda”; ho preso però atto, dal suo raccontare ,che lui non c’è.

… Chi si ricorda, trova sempre il modo…

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Abbraccia la (mia) mente.

La condivisione di uno stato mentale precede la condivisione di uno stato fisico, palesandosi come il preludio dello stato affettivo (e sentimentale).

La ricerca della sola fisicità ha per forza di cose legami con l’infantile, l’infantilismo e la ricerca di protezione e cure parentali spesso deficitarie.

Una ragazza lamentava la difficoltà di entrare in “sintonia mentale” con gli uomini. Ci sono volute numerose sedute per farle ammettere che l’abbraccio spezzato era per lei, uno solo…

… E che non sarebbe mai più tornato …

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Cerotti dell’apparato psichico.

Ci sono ferite, graffi più o meno profondi, tagli a carne viva che bruciano e meritano la nostra attenzione.

Ogni ferita prima o poi guarirà, è solo questione di tempo e di cura; cura per il proprio taglio e cura per l’eventuale cicatrice (più o meno visibile che sia).

Anche l’apparato psichico soffre, si ammala e richiede la nostra attenzione: richiede le nostre cure.

Il problema dell’apparato psichico è che non sanguina in maniera visibile e sappiamo – invece- quanto le persone desiderino vedere nel reale, la cosa.

Ciò però che vorrei sottolineare con voi è che in realtà anche l’apparato psichico “sanguina”, soffre e si ammala e ce lo mostra attraverso il sintomo.

In lingua napoletana abbiamo un detto traducibile con “il cervello/la testa è una sfoglia di cipolla”; secoli dopo -Lacan- riprendendo Freud il quale sosteneva che l’Io è fatto dalla successione delle sue identificazioni con gli oggetti amati e che gli hanno permesso di prendere la sua forma; sosterrà proprio che L’Io è fatto come una cipolla “lo si potrebbe pelare e si troverebbero identificazioni successive che lo hanno costituito”, Lacan, 1975.

Siamo allora fatti di strati più meno compattati, più o meno rotti, più o meno escoriati.

Se l’apparato psichico, se l’Io soffre, mette in atto tutta una serie di modalità difensive: converte, isola, sublima, si chiude, intellettualizza e così via.

Una volta una ragazza disse di non riuscire a cacciar via dal proprio cuore un ragazzo; provai a riflettere con lei e provammo -insieme- a notare una cosa.

Il cuore è l’ultimo dei problemi; non è da lì che vanno tirate via le persone o le questioni, le cose, e non è lì che vanno relegate.

E’ la mente la prigione, la gabbia o l’illusione più forte che possiamo avere; è la mente che sa generare la storia più incredibile.

La mente crea, distrugge e soprattutto ricorda.

Il ricordo poi può essere più o meno aderente alla realtà dei fatti. Il ricordo torna, (ri)torna in maniera più o meno camuffata (ne sono un esempio i sogni).

Il ricordo genera la mancanza fino a lasciare dietro di sé uno strato più o meno lacerato.

Le lacerazioni creano dolore.

E’ del nostro apparato psichico e delle sue cicatrici che dobbiamo avere cura.

Usiamo cerotti quando serve, teniamo al coperto le ferite quando sono calde e pulsanti; disinfettiamo e teniamo al sicuro la nostra pelle psichica.

Quando saremo pronti, quando i nostri strati avranno (ri)trovato quella parvenza di compattezza.. allora sì.. stacchiamo pure il nostro cerotto e continuiamo ad avere cura di quella piccola e quasi invisibile cicatrice.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.