Archivi tag: frasi Jung

Tu giudica che domani smetto.

“Pensare è molto difficile, per questo la maggior parte delle persone preferisce giudicare”.

C. G. Jung

Dott.ssa Giusy Di Maio.

L’altro irritante..

“Tutto ciò che degli altri ci irrita può portarci alla comprensione di noi stessi.”

Carl Jung
Photo by Anni Roenkae on Pexels.com

E se quello che odiamo negli altri rispecchiasse ciò che ci infastidisce di noi stessi?

La comprensione di noi stessi passa anche attraverso la comprensione degli altri e di noi con gli altri. Anche quando gli altri ci irritano ci sarà un perché..

dott. Gennaro Rinaldi

Terra.

“Se l’uomo sbagliato si serve di mezzi giusti, allora il mezzo giusto agisce in modo sbagliato”.

C.G. Jung

Non è il pianeta ad essere sbagliato ma chi vi è ospite.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Resistenze e Cambiamenti.

“Ciò a cui opponi resistenza persiste. Ciò che accetti può essere cambiato.”

Carl Gustav Jung
Photo by Snapwire on Pexels.com

Guardare senza resistenze se stessi permette con la giusta guida di intraprendere la strada migliore per il cambiamento.

dott. Gennaro Rinaldi

Seguiteci anche su Twitter!!! https://twitter.com/Ilpensierononl1

Pensare è difficile..

“Pensare è molto difficile. Per questo la maggior parte della gente giudica. La riflessione richiede tempo, perciò chi riflette già per questo non ha modo di esprimere continuamente giudizi ”

Carl Gustav Jung
Photo by Pixabay on Pexels.com

Giudicare è un modalità semplicistica di descrivere il mondo circostante. Non implica sforzi riflessivi ed empatia, è immediato e istintivo e deresponsabilizza tanto.

Pensare e riflettere, richiede tempo e spazio mentale, molta emotività e un bel pezzo di empatia. Non è semplice, richiede molte energie e un grande coinvolgimento personale.

dott. Gennaro Rinaldi

La domanda più importante…

“La domanda più importante che dobbiamo porci è: quale mito sto vivendo?

Carl Jung
Photo by Ivan Drau017eiu0107 on Pexels.com

Ve lo siete mai chiesto?

I Miti. Storie di popoli e di famiglie.. | ilpensierononlineare

I miti familiari | ilpensierononlineare

dott. Gennaro Rinaldi

Jung la Psicologia e i fenomeni occulti.

Nella vita di Jung lo studio delle manifestazioni definite “paranormali” ebbe un grande rilievo. Nei primi decenni del 1900 l’interesse per la parapsicologia e per i fenomeni occulti era sempre maggiore, per Jung vi era quindi la necessità di espandere la sua conoscenza e comprendere attraverso una interessante ricerca sul campo gli aspetti psicologici e sociali che riguardavano questi fenomeni, indagando con rigore scientifico e con curiosità. Ecco due estratti dal libro “Psicologia e patologia dei cosiddetti fenomeni occulti”:

” In quest’età di materialismo […]si è avuta una reviviscenza della fede negli spiriti, sia pure a livello più elevato. Non si tratta di una ricaduta nella superstizione, ma di un intenso interesse scientifico, del bisogno di proiettare la luce della verità su un caos di fatti malsicuri […].”

Carl Gustav Jung
Photo by Lucas Pezeta on Pexels.com

” Ho indicato le tre origini principali che pongono la credenza negli spiriti su una solida base; le apparizioni, i sogni, le turbe patologiche della vita psichica […]. Gli spiriti sono complessi dell’inconscio collettivo che si manifestano quando l’individuo perde l’adattamento alla realtà, oppure cercano di sostituire l’atteggiamento inadeguato di tutto un popolo con un nuovo modo di pensare. Quindi sono fantasie patologiche oppure idee nuove ancora sconosciute [..].

Carlo Gustav Jung

Per approfondire ecco il libro di Carl Gustav Jung https://amzn.to/3cqFV2L

dott. Gennaro Rinaldi

Seguiteci anche su Twitter!!! https://twitter.com/Ilpensierononl1

Inconscio e Destino.

Immagine Personale.

“Rendi cosciente l’inconscio, altrimenti sarà l’inconscio a guidare la tua vita e tu lo chiamerai destino”.

C. G. Jung

Cos’è realmente il destino?

Dott.ssa Giusy Di Maio.