Archivi tag: LGBT+

Relazioni d’affetto.

“Per crescere i figli in modo felice c’è una sola soluzione: le relazioni d’affetto, sia che si tratti di una coppia etero sia che si tratti di una omosessuale. Là dove vige l’amore si cresce bene, là dove vige la violenza o il gelo emotivo si cresce male.“

Umberto Galimberti (Psicoanalista e Filosofo)
Photo by Vu0103n Thu1eafng on Pexels.com

Ciò che rende problematico lo sviluppo e la crescita dei propri figli sono proprio quelle relazioni familiari dove vige gelo emotivo, rigidità, violenza fisica e psicologica, ambiguità, intolleranza e rabbia. Le relazioni d’affetto sane, a prescindere dal tipo di coppia che va a formare una famiglia, garantiscono un ambiente ideale, in cui crescere e formarsi come individui.

“Finisce bene quel che comincia male”

dott. Gennaro Rinaldi

Il colore Umano.

Photo by Sharon McCutcheon on Pexels.com

Non giudicare sbagliato ciò che non conosci, cogli l’occasione per comprendere.”
Pablo Picasso

Amo i colori, ormai lo sappiamo; sono noiosa e monotona nel mio urlare – gonfiando a più non posso i miei polmoni- “fatemi vivere in una pozzanghera di colori a tempera mischiati.. che poi.. sono felice.”

I colori mi hanno sempre attirata..

Ricordo il piacere del disegno, dell’educazione artistica (a scuola).. La creatività, l’arte.. Pennelli, mani e corpo che creavano rendendo visibile la fantasia di un mondo colorato che potevo rendere reale e vivo all’esterno, su carta o tela..

Ancora oggi l’aspetto artistico vive al mio fianco, palesandosi in diverse forme.

Crescendo – poi- il mio amore senza confini per i colori, il piacere del dettaglio e della sfumatura è diventato il piacere per la scoperta dell’umano.

Per carattere non ho mai cercato nemici, nel prossimo.. Mi sono sempre approcciata all’esistenza in una maniera rilassata, aperta e con reale desiderio di conoscere e sapere..

L’altro è lentamente diventato per me una tavolozza su cui si adagiavano infinite sfumature di colori o più semplicemente, una base su cui esplorare infinite angolazioni dello stesso colore primario.

Non ho mai pensato che qualcuno potesse avere un colore sbagliato; che potesse essere poco colorato, troppo colorato.. Che qualcuno potesse diventare un colore fuori moda.. fuori posto.. Un colore non in linea con il bon ton.

E’ capitato nel corso del mio cammino, di incontrare colori poco attinenti alla mia armocromia e in tal caso, senza mai offendere… ho proseguito il mio percorso alla ricerca delle sfumature.

E’ capitato che il mio colore umano, non andasse bene..

Ed ecco il punto.

Cos’è un colore… cos’è una sfumatura..

E’ quasi come chiedersi cosa e chi è l’umano…

Trovo avvilente dover specificare l’importanza di dover preservare, oggi più che mai, anche e soprattutto in termini di leggi, l’importanza della libertà di poter scegliere il proprio colore umano.

Sono giorni difficili.. giorni in cui le intromissioni su una importantissima legge, una legge che altro non fa che preservare la bellezza e la libertà di espressione del colore umano, stanno bloccando quello che potrebbe essere un primo scatto di civiltà.. un primo passo concreto e di contenimento materno in cui ciascuno può sentirsi libero.

Nessuno tocchi il tuo colore umano.

Nessuno tocchi il mio colore umano

Restiamo umani.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

(Non) saremo migliori..

Sono sempre stata persona riflessiva -troppo, tanto, assaje– e con la mia professione, la “scusa” per riflettere è all’ordine del giorno.

Sono mesi che sento dire “dopo il covid saremo migliori” e puntualmente la mia risposta è “NO”.

Saremo diversi, trasformati, interrotti, frammentati, buttati giù e rimessi (in qualche modo) insieme.

Saremo migliori?

Alla notizia dell’ennesima aggressione subita a Roma ai danni di un ragazzo gay, dopo aver baciato il compagno mentre attendeva la metro, mi viene solo lo schifo per un paese di una arretratezza cosmica.

Provo odio e schifo; lo stesso schifo e lo stesso malessere (perchè sì, – difetto- sono una di quelle persone che davanti a certe cose si sente male e ci resta di sasso per giorni interi) provato quando ho visto calpestare, da tantissime persone, la bandiera arcobaleno.

Non mi viene da argomentare altro; so che non posso salvare il mondo come so che il mondo non si salverà da solo.

Buona serata.

Dott.ssa Giusy Di Maio