Archivi tag: musica

Maestro…

“C’è un lusso meraviglioso che regala la musica: l’intensità nella delicatezza, quel saper suonare piano e intenso, a cui invitava Toscanini. E’ anche un modo di vivere. Sentire la semplice, abissale differenza che passa fra urlare “ti amo” o sussurrarlo”.

Riccardo Muti.

Tanti Auguri, Maestro!

Grazie, con tutto il cuore.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Diverso? “Insieme”.

Ho spesso accennato al mio amore per il mondo che va dalla passione sconfinata per il sud (fino alla punta più estrema), all’est. Spesso mi viene detto che i posti che più amo, a cui sono legata e che frequento sono estremamente diversi.

Diverso da cosa? Diverso da chi? Diverso per?

Le cose che più amo paiono spesso essere distese lungo un continuum che le situa ai poli opposti eppure guarda qui..

Canzoni tradizionali catalane che ballano su ritmi orientali; swing gipsy sciolto sui ritmi dell’est; canzoni rivoluzionarie cubane, musica balcanica e klezmer.

Barcelona Gipsy Klezmer Orchestra.. chi riesce a stare fermo?

È necessario unirsi, non per stare uniti, ma per fare qualcosa insieme.”
Goethe.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Delfini e Musica.

Il post che desidero condividere con voi, oggi, parla di una piccola ricerca fatta dai Ricercatori dell’Università del Southern Mississippi.

Non troppo a fuoco: Mamma e figlio, delfini. Oceanogràfic De València.

La ricerca concerne la musica e i delfini.

Unisco il mio amore per la musica e gli animali, legandovi anche un pensiero per quanto sta accadendo in Sardegna.

La Sardegna brucia, gli animali bruciano: non gettiamo tutto nell’inceneritore come accadde quando il mio Vesuvio fu dato alle fiamme, nel 2017, distruggendo un terzo del Parco Nazionale.

Premessa fatta, Buona Lettura.

Le mamme dei delfini cantano per i loro piccoli. Dalle ricerche effettuate presso l’Università del Southern Mississippi, emerge che questo fischio reca con sé le stesse funzioni della voce umana.

I ricercatori hanno analizzato 80 ore di registrazione in una vasca del Six flags Discovery Kingdom di Vallejo, in California.

Nella vasca era presente una femmina incinta; i ricercatori hanno rilevato che questa emetteva un particolare fischio che diventava sempre più intenso man mano che la data del parto si avvicinava. Questo fischio poi, tendeva a diventare più flebile dopo il parto; il tutto avveniva mentre gli altri componenti del gruppo, restavano in silenzio.

I ricercatori sono giunti alla conclusione che il motivo del silenzio degli altri componenti del branco di delfini, risiedesse nel fatto che i delfini non volessero confondere il nuovo nato.

I delfini emettono, infatti, dei fischi per chiamarsi per nome, e ognuno risponde al suo.

Restando in silenzio, quindi, gli altri componenti del branco hanno permesso al nuovo nato di riconoscere il fischio/canto materno; un fischio particolare e solo suo, che la madre gli stava dedicando da ancora prima che il piccolo venisse al mondo.

Analogo concetto vale per gli esseri umani: John Bowlby mostrò, infatti, che il neonato, nelle prime settimane di vita, riesce a riconoscere la madre dalla sua voce e dal suo odore

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Vento di Nostalgia.

Non si può amare perché legati a un ricordo che sa di nostalgia.

L’amore resta l’atto più folle e rivoluzionario che possiamo attuare. L’amore reca infatti la possibilità – logicamente folle- di poter generare (e non solo un bambino, ma di far generare anche nuove e sconosciute parti di sé).

L’emozione che reca con sé il sentimento amoroso, non può – per sua natura- essere compresa.

Quando apri alla comprensione della logica del vissuto amoroso, automaticamente rompi il legame (dei due amanti), nel peggiore dei modi: spezzandolo.

Spezzare, spaccare, lesionare, crea più dolore dell’abbandonarsi ad un sentimento che va al di là di ogni logica…

…Il vento ci porterà.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Tornare.

‘Nu battito ca’ dura cchiù ‘e n’ora

‘Nu silenzio ca’ si colora..

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Avvicinarsi all’uscita…

Ognuno con le sue scelte si rende libero.

Non giudicare mai -troppo- le scelte degli altri perché non potrai mai sapere, in anticipo, se un giorno diventeranno le tue.

Immagine Personale.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Doppler

(S)corri nei miei vasi sanguigni

fatti liquido caldo

sangue.

Fluisci al cuore.

Doppler

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

In good company.

Immagine Personale.

“Senza musica la vita sarebbe un errore”.

 Friedrich Wilhelm Nietzsche

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.