Archivi tag: musica

Corri, diavolo…

Potrei raccontare la storia del pezzo… del titolo… e così via.

Ma sono una da godimento (così il vecchio Lacan è contento) e più che parlare, preferisco ascoltare e assaporare.

Le orecchie per me, contano…

Se vi va.. concedetevi un po’ di sano godimento -jouissance- ma.. arrivate fino alla fine (del video).

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Non (troppo) lineare.

“Poi l’estate svanisce e passa, e arriva ottobre. Si fiuta l’umidità, si sente una chiarezza insospettabile, un brivido nervoso, una veloce esaltazione, un senso di tristezza e di partenza”. Thomas Wolfe

Ricordiamoci di lasciar libero l’inconscio… libero di fluire e accogliamo (invece di condannare), le sue proiezioni.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

“Come un vino smagliante”.

“E io ritardatario sulla morte, in anticipo sulla vita vera, bevo l’incubo della luce come un vino smagliante”.

Pier Polo Pasolini

Da Poesie mondane, n Poesia in forma di rosa (1961-64).

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Coincidenze dell’anima.

“Io credo che le sole cose sicure in questo mondo siano le coincidenze”.

Leonardo Sciascia.

…Che (poi) non esistono…

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Nuvole (tra buio e luce).

“Nell’impossibilità di poterci vedere chiaro, almeno vediamo chiaramente le oscurità”.

S. Freud

Dott.ssa Giusy Di Maio.

L’isola del tempo per B.

“Dottoressa non so cosa dirle.. Io mi sento strano in questo contesto. Mi sembra che l’unico obiettivo dei miei amici sia apparire e apparire ancora. Mi sembra assurdo che i bambini già a 3- 4 anni abbiano telefono o tablet a disposizione… Possibile che dobbiamo crescere da subito con questa idea che quello che gli altri vedono di te, sia più importante di quello che sei tu, di quello che di te stesso, vedi tu?

Io vado a scuola a Scampia; mo.. come uno sente Scampia dice “criminali, delinquenti… spacciatori!” ma tu che ci fai là in mezzo?

Io “non ci faccio”, “ci sono”… che è diverso. Ho la media del 9, mi piace studiare e sono un ragazzo che riflette sul mondo circostante. Non ho mai fatto cazzate anzi.. ho quasi la sensazione che la cazzata che io stia facendo, sia restare a pensare.

Con le mascherine sono tutti più simpatici e sa perché? Perché siamo tutti uguali… poi tolta la maschera hanno tutti una faccia diversa da come l’avevo immaginata: tutti incazzati, brutti e nervosi.

Ma che hanno da stare così nervosi?

Quanti pregiudizi, quanti stereotipi… quanta poca fantasia, Dottoressa. Ecco… Nella mia famiglia ci si lamenta del fatto che magari non ho troppi amici o del fatto che mi vedono poco in linea con quella che è la mia età…

Sto bene qui, a parlare con lei.

Qui c’è calma, la sua voce mi rilassa e ho tempo per pensare. Sto come su un’isola, uno spazio/bolla in cui il tempo diventa strano e va più lento (pure se subito passa l’ora), e non ricevo giudizi per le mie idee, ma orecchie: orecchie che mi ascoltano e che sono pure interessate.

Non ricevo domande fredde e stereotipate; non ricevo giudizi o imposizioni.

Sento che quando vengo qui ho tempo per riflettere e prendermi cura di me stesso. Nessuno qui mi chiede di apparire, nessuno mi dice che sono un delinquente, nessuno mi fa sentire nessuno.

Ecco… solo i disegni che mi fa fare mi annoiano però va bene lo stesso..

Li faccio perché sento che anche quelli servono (poi me li presenta sempre in maniera molto simpatica, sono onesto).

Come? E’ già passata un’ora?

Va bene Dottorè… ci vediamo la settimana prossima; sì… la scrivo la storia ma mo devo tornare là fuori? Nella confusione, nella violenza e nella cattiveria?

Buona serata Dottorè!”

B., adolescente di Scampia che ha capito più di chiunque altro a cosa serve il supporto psicologico.

(Perché il pregiudizio può esserci sempre: sia da un lato, che dall’altro).

Grazie.

“Finisce bene quel che comincia male”

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Comprensione.

“Non chiedo la tua pietà, ma solo la tua comprensione – nemmeno quella – no. Solo il riconoscimento di me in te”.

Tennessee Williams.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Una domenica al mare.

In macchina accendo la radio e il pezzo va..

Gli occhi si chiudono e mentre dondolo comincio a cantare.

Con quella linea melodica che raggruppa i miei pori facendoli sollevare fino a diventare scoglio su cui adagiare i pensieri…

Sarà che con certe lingue che sanno di vento e mar d’Africa io, mi sento a casa…

Sarà che più scendo giù – nel mondo- e più mi sento cullata…

Ma le radici non sono in alto, vicino alla testa, ma giù ben piantate nella terra (e un po’… anche nell’acqua).

Dott.ssa Giusy Di Maio.