Archivi tag: nevrosi Freud

Affetto/Rappresentazione.

Freud afferma che ciò che conta veramente nella vita psichica, sono i sentimenti e che tutte le forze psichiche sono importanti solo per la capacità di risvegliare sentimenti (Cfr., Mangini, E., 2001).

Le rappresentazioni sono rimosse solo perché collegate allo sprigionamento di sentimenti. Quindi la rimozione colpisce in realtà i sentimenti che noi riusciamo a cogliere solo nel loro collegamento con le rappresentazioni.

Ora per quanto concerne le rappresentazioni, tutte derivano da percezioni e sono ripetizioni di esse. In origine quindi l’esistenza della rappresentazione è garanzia del dato rappresentato.

(L’affetto è collegato alla rappresentazione, la rimozione agisce sull’affetto. Il fine dell’esame di realtà è ritrovare nella percezione reale un oggetto corrispondete al dato rappresentato).

Le rappresentazioni possono essere consce o inconsce.

Alla pulsione non può inoltre essere applicata la controrappresentazione tra conscio e inconscio, perché essa non può diventare oggetto della coscienza, lo può solo l’idea che la rappresenta. E anche nell’inconscio la pulsione, può solo essere rappresentata da un’idea.

Quindi sia le idee che gli affetti sono indici di pulsioni. C’è poi la differenza tra rappresentazioni di pulsioni e affetti; le rappresentazioni sono investimenti di tracce mnestiche, mentre gli affetti corrispondono a processi di scarica, le cui manifestazioni ultime vengono percepite come sensazioni.

Sia la rappresentazione che l’affetto rappresentano la pulsione nello psichismo ma la rappresentazione è un’idea che riproduce mentalmente la percezione di una cosa o un oggetto; mentre l’affetto segnala un investimento e un consumo energetico.

L’affetto è che ciò che si prova, senza un pensiero non può che essere scaricato. Il quantitativo di energia legato all’affetto prende il nome di: quantuum di affetto.

Quindi siccome l’affetto non può essere inconscio, quando questo non è rintracciabile, più che parlare di rimozione è meglio parlare di repressione dell’affetto.

Gli affetti e le rappresentazioni pulsionali seguono quindi un cammino diverso. Le rappresentazioni infatti sono soggette a rimozioni mente gli affetti si fanno “sentire” segnalandosi alla coscienza.

La qualità dell’affetto dipende dal destino in cui incorre quando si distacca da una rappresentazione pulsionale rimossa (questa può restare inconscia o andare incontro a rimozione). L’affetto arriva invece alla coscienza es: come angoscia.

Per gli studenti: chiedo scusa per i geroglifici ma ho abbozzato uno schema che una volta compreso, funge da impalcatura per tutta la futura clinica e dinamica. Stay tuned and be kind.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Le nevrosi da guerra.

Photo by Pixabay on Pexels.com

Al ritorno dalla prima guerra mondiale, gli psicoanalisti misero insieme tutta una serie di osservazioni su gravi forme nevrotiche che colpirono i soldati. Tali forme nevrotiche non sembravano ascrivibili a un conflitto tra pulsioni di autoconservazione e sessuali.

Non era né il pericolo di vita cui la guerra esponeva a causare tali forme nevrotiche, né sembravano esserne maggiormente affetti coloro che già prima dello scoppio della guerra, soffrivano di una qualche forma nevrotica.

Lo sviluppo di queste nevrosi era legato alla minaccia di menomazione dell’immagine di sé, in pazienti che nella vita civile erano privi di disturbi e considerati coraggiosi.

La minaccia all’immagine di sé, è una minaccia all’integrità narcisistica; queste persona andavano infatti incontro a un crollo psichico che si esplicava in angoscia primaria, stupore, agitazione, a motivo del fatto che il loro funzionamento sano si reggeva su un’immagine di se stessi come forti e coraggiosi, per cui l’angoscia e la paura, avevano il potere di danneggiare l’immagine che essi avevano di se stessi e la loro autostima narcisistica.

L’immagine di sé comprende sia aspetti esterni che interni; può pertanto essere lesivo -per l’immagine di sé- sia un danno fisico (mutilazione) sia uno morale che colpisca l’autostima (come la perdita dell’idea di essere una persona coraggiosa, sana e di successo).

Anche se l’angoscia acuta trovava remissione, era sempre compromessa l’immagine di sé (che l’esperienza traumatica aveva frantumato).

Queste nevrosi mostravano anche resistenza al trattamento psicoterapeutico.

Le nevrosi da guerra appartengono al gruppo delle nevrosi traumatiche dove si ha la comparsa di un’angoscia definita traumatica (o primaria) o automatica, contrapposta all’angoscia segnale.

L’angoscia automatica è nel 1925 la conferma di una teoria di Freud secondo cui vi era l’esistenza di una angoscia traumatica dipendente da un brusco afflusso di eccitamento che il soggetto non riesce a dominare né a contenere o elaborare con l’apparato psichico.

Oggi possiamo dire che le osservazioni degli psicoanalisti su queste nevrosi, vertevano su soggetti che anche in condizioni non belliche, mostravano vulnerabilità narcisistica attraverso una ostentazione degli aspetti narcisistici: esagerata autostima e una immagine di sé sempre bisognosa di gratificazioni e conferme narcisistiche.

Queste personalità narcisistiche possono non sviluppare mai una patologia che può invece instaurarsi solo in una situazione traumatica.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.