Archivi tag: parole

Comunico con o senza le parole?

Parole dette, non dette, sussurrate lette appena sfiorate.
Le parole dicono senza dire e non dicono dicendo.
Lo straordinario potere delle parole.
Buona Lettura

ilpensierononlineare

Photo by Skitterphoto on Pexels.com

Per definizione, il colloquio, riguarda una comunicazione che avviene tramite il canale verbale.

Quanto detto rimanda alla psicoanalisi che, come ormai abbiamo avuto modo di capire, nasce con la cura parlata- talking cure, definizione data da Anna O.

Per la psicoanalisi, il linguaggio, svolge la funzione di veicolare significati nascosti connessi all’attività inconscia del pensiero. La parola diviene pertanto l’elemento centrale della comunicazione; veicolo di pensieri ed emozioni.

“Nella prospettiva della relazione terapeuta- paziente, le comunicazioni verbali occupano una posizione particolare per la loro funzione di “rappresentazione”: una parola “rappresenta” una cosa senza essere veramente la cosa stessa” Gilliéron, 1994.

Ciò a cui apre la comunicazione verbale è in sostanza un paradosso: le parole possono assumere un significato diverso e ciò, nello specifico, in base alle modalità con cui vengono pronunciate (intonazione, ritmo, tonalità, emotività), in base al contesto (di quel dato colloquio, in…

View original post 133 altre parole

Le parole fanno male..

In una recente ricerca neuroscientifica è stato dimostrato che quando un bisogno o una richiesta non viene riconosciuta o ascoltata, si genera un profondo disagio sia psicologico che fisico.

Questa indagine sperimentale è stata realizzata dalla Fondazione Giancarlo Quarta Onlus di Milano. I ricercatori hanno evidenziato che le persone a cui è stato negato un bisogno, attivano nel loro cervello, le stesse aree che si attivano generalmente quando si prova un dolore fisico.

L’indagine ha potuto quindi dimostrare che quel malessere che si prova quando altre persone feriscono la nostra sensibilità con le parole, ad esempio, attiva le stesse aree cerebrali e network neuronali che si attivano quando si prova dolore fisico.

Le parole e gli atteggiamenti ostili e non supportivi, riescono a “ferire” ed infierire proprio come un dolore fisico.

Una “ferita psichica” viene quindi percepita proprio come una “ferita fisica”.

“Finisce bene quel che comincia male”

dott. Gennaro Rinaldi

Aprire varchi, creare spazi..

“Aprire vuoti nelle teste, aprire buchi nel discorso già costituito, fare spazio, aprire le finestre, le porte, gli occhi, le orecchie, il corpo, aprire mondi, aprire aperture impensate prima.”

MASSIMO RECALCATI
Photo by Prashant Gautam on Pexels.com

Aprirsi alle nuove opportunità, aprire varchi di possibilità, spazi e strade da percorrere. Varcare i confini e scoprire nuovi “mondi”. Muoversi, conoscere, arricchirsi..

Aprire aperture impensate prima..

dott. Gennaro Rinaldi

Sintonia.

“L’esperienza più coinvolgente e rigenerante che ogni individuo possa vivere è quella dell’incontro, inteso come la possibilità di una sintonia armonica e profonda con un altro essere umano”.

Aldo Carotenuto

Sintonia è perfetto accordo.

Sintonia è – in fisica- l’uguaglianza di periodo fra due o più grandezze o fenomeni periodici.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Tutti scienziati…

Avete presente quelle persone che sanno sempre tutto, che ne sanno più di voi… che avevano capito di sicuro prima di voi…

Tutti scienziati, poeti, scrittori, filosofi e psicologi .. no…

Ecco..

La canzone di stasera è dedicata un po’ a loro..

E voi? come la mettete quando incontrate il “lo sapevo già!”.. come vi rapportate con lo “scienziato di turno?”

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Mission “Save the Snails”.

Immagine Personale.

Una delle passioni “missioni” che ho, da sempre, è salvare le lumache. In qualsiasi posto io sia, qualsiasi cosa stia facendo.. se vedo una lumaca “in pericolo” provo a salvarla mettendola al sicuro nel primo spazio verde che incontro.

Non vi dico quando pulisco le verdure.. così mi ritrovo con un balcone invaso di lumachine..

Quando sono in Germania il tutto diventa tragicomico.. poiché ci sono alcuni posti piuttosto umidi dove le lumache sono pure troppe.. e io lì a correre a destra e sinistra nella speranza di salvare quante più lumache possibili…

Così per prendermi in giro è nata la Mission “Save the Snails”..

Chi più di una lumaca conosce l’importanza della “propria casa?”

Quanto vi sentite a casa e al sicuro?

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.