Archivi tag: Pino Daniele

Alleria

Pino era un approdo, la colonna sonora della spensieratezza di giornate assolate, di domeniche che odoravano di ragù e dolci.. ricordi di cantate a squarciagola, di passeggiate lunghissime e saporite.

Pinuccio con la sua voce, la sua musica e i suoi testi, ti avvolgeva e toccava tutti i sensi.

Alleria.. lui la cantava sempre con una vena di malinconia.

Avremmo bisogno tutti un po’ d’allegria..

Putesse essere Allero – Pino Daniele

Putesse essere Allero

E dimme quacchecosa nun me lassà’
accussì
stasera sto sballato che voglia ‘e partì
cu’ ddoje parole ‘mmocca e tanta
semplicità
putesse essere allero
E dimme quacchecosa nun me lassà’
accussì
‘o viento sta passando e je ‘o voglio sentì
affondo ‘e mani dint’a terra e cerco ‘e
nun guardà’
e nun me pare overo
Putesse essere allero e m’alluccano
dint’e recchie
e je me sento viecchio
putesse essere allero cu mia figlia mbraccio che me tocca ‘a faccia e nun me’ fa vedè
E dimme quacchecosa nun me lassà’
accussì
me sento nu criaturo ca nun po’ fà’ pipì
vulesse arrubbà’ senza me fà’ vedè’
tutt’e facce d’a ggente
E dimme quacchecosa nun me lassà’
accussì
‘o viento è già passato nun pozzo cchiù
sentì’
e m’ha rimasto ‘ncuollo l’addore d’o
magnà’
e nu poco ‘e mare
Putesse essere allero cu nu spinello
‘mmocca
cu ‘ e mmane dint’a sacca
putesse essere allero cu na parola sola
ca me desse calore senza me fà’
sunnà’.

Alleria – Pino Daniele

ALLERIA

Passa ‘o tiempo e che fa
Tutto cresce e se ne va
Passa ‘o tiempo e po’ nun te cride cchiù
Voglio ‘o sole
Pe’ m’asciutt
Voglio n’ora
Pe’ m’arricurdàAlleria, pe’ ‘nu mumento te vuò scurdà
Che hai bisogno d’alleria
Quant’e sufferto ‘o ssape sul Dio
E saglie ‘a voglia d’alluccà
Ca nun c’azzicche niente tu
Vulive sulamente da’
Ma l’alleria se ne vaPassa ‘o tiempo e che fa
Se la mia voce cambierà
Passa ‘o tiempo e po’ nun vuò bene cchiù
E ti resta solo quello che non vuoi
E non ti aspetti niente perché lo sai
Che passa ‘o tiempo, ma tu non cresci mai, oh noAlleria, pe’ ‘nu mumento te vuò scurdà
Che hai bisogno d’alleria
Quant’e sufferto ‘o ssape sul Dio
E saglie ‘a voglia d’alluccà
Ca nun c’azzicche niente tu
Vulive sulamente da’
Ma l’alleria se ne va

dott. Gennaro Rinaldi

Pinuccio.

La verità è che mica ci siamo abituati a non averti più, a non saperti, a non poterti ascoltare.

Uè.. che esagerazione sta Doc.. Ma la questione qua sai qual è?

Che è meglio essere pieni di emozioni, essere esageratamente emotivi che essere privi del sentire emotivo stesso.

Piatti.

Depressi.

Allora che mi ricordo di quella mattina? Tante.. troppe cose. Dalla notizia che mi fu data a quella che diedi.

Un abbraccio lunghissimo in macchina mentre fuori pioveva e noi increduli al fatto che la voce rotonda come solo le onde del mare sanno essere e sottilmente graffiante, come un solletico leggero tipico della sabbia, non ci sarebbe più stata.

Non dal vivo, almeno.

Ma per sempre vivo.

Ciao Pinù!

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Occhi.

Mi mancano gli occhi con cui guardavo -prima- il mondo.

E mi manchi tu.

A molto… molto presto!

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Blu profondo.

L’acqua blu che mi circonda, si fa linfa dentro di me. Attraverso le mie radici, assorbo l’acqua che mi circonda; tale acqua insieme ai sali minerali costituiti dai miei vissuti, creano un liquido che è la linfa grezza.

Questa linfa grezza giunge piena e viva fino alle mie foglie più esterne: i miei pensieri.

Ed eccomi qui a pensare al blu; a guardare il blu.

Non ho paura o timore delle profondità dell’animo umano. Il blu ti insegna il rispetto, il coraggio, la passione.

Il blu ti insegna i tentativi, gli errori, la speranza…

Il blu ti insegna la riflessione, il pensiero e la meravigliosa qualità dell’attesa; attesa incessante, lenta… lentissima…

…L’anacronistica lentezza del tempo (veloce)…

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Basta na jurnata ‘e sole.

… e ‘o mare che tiene quando niente contiene e contiene quando niente tiene…

Dott.ssa Giusy Di Maio.

La notte.

Il giorno ha occhi. La notte ha orecchie.”
Proverbio Persiano

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Senti.. Ascolta.

Le 00:20 sulla destra il Golfo di Napoli illuminato..

La radio manda uno dei miei pezzi preferiti: 2 minuti e 26 ‘e pace..

Una mano è fuori dal finestrino intenta come sempre a giocare con l’aria.. a giocare con la notte provando a scansare le paure che reca con sé..

Qualche goccia di pioggia, la luna è piena ed io canto a squarciagola.

Il mio sentire ascolta..

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Je so’ pazz.

“Dottoressa Buongiorno! Tutto bene? Non vi ho visto per qualche giorno, mi stavo preoccupando!”

“Buongiorno N., grazie per il pensiero.. sono un po’ impegnata in questi giorni”

“Dottorè vi serve qualcosa? Lo sapete che io sto sempre disponibile.. manco a dirlo, eh!”

“Non ti preoccupare, N., se ho bisogno di te lo sai che ti chiamo senza problemi. Ma dimmi.. come stai, tu?”

“Eh, Dottorè.. Io mo vi dico una cosa però lo sapete.. io con la testa non ci sto troppo bene.. (Così dicono i Dottori).. Però stavo pensando una cosa.. L’essere umano è stato chiamato a una prova di umanità che è stata fallita completamente. Io ho fatto la mia parte ma so che mentre qualcuno ha deciso per l’altro prima che per se stesso, lo stesso altro ha deciso per se stesso: si è capito qualcosa di quello che ho detto? Ma avete letto le proposte che fanno certi? Mo Dottorè me ne vado a prendermi la terapia, mi devono cambiare i farmaci però prima vado a fare la spesa per la signora del terzo piano. Pure oggi tornate tardi?”

Grazie di cuore, N.

(Sì, anche oggi tornerò tardi.)

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.