Archivi tag: Psicologia e benessere

“Ero in una spirale buia.. avevo perso il mio compagno, ma non posso continuare così.. lo devo anche a mio figlio”

Un caffè (freddo) con i dottori – Rubrica settimanale –

Disclaimer:

Coloro che inviano la mail, acconsentono alla resa pubblica di quanto espressamente detto. Tutte le informazioni personali (ad esempio nome), così come tutti gli altri dati sensibili, sono coperti dal segreto professionale e dalla tutela del cliente (ART.4,9,11,17,28, Codice Deontologico degli Psicologi). Le fonti di invio delle mail sono molteplici (non legate al solo wordpress).

Per la rubrica “Una caffè freddo con i dottori”, ho scelto di rispondere ad una mamma di un bambino di 6 anni. Nella mail ci racconta della perdita del suo compagno, del dolore provato e di alcuni suoi timori, conditi da tante domande sul futuro suo e di suo figlio. Ecco la sua lettera:

” Buonasera dottori, approfitto di questa rubrica per chiedere una cosa che mi frulla per la mente da un po’ di tempo. Premetto che sono mamma di un bambino di 6 anni e mezzo. Purtroppo il mio compagno, padre di mio figlio è morto a causa di una malattia circa due anni e mezzo fa, nel 2019, mio figlio aveva 4 anni. Non vi nascondo che sono stata molto male per diversi mesi, ero entrata in una spirale molto buia. Tutt’ora non credo ancora di esserne uscita completamente. Il mio medico di base mi ha consigliato più volte di iniziare un sostegno psicologico, ma non ho mai avuto il coraggio di iniziare. La mia mente non era molto lucida e ho preferito cominciare a prendere i farmaci prescritti dal medico. Ora a distanza di due anni e mezzo e con questo periodo difficile che abbiamo vissuto tutti, comincio a capire che ho bisogno di uscirne definitivamente. Non posso continuare così. Lo devo anche a mio figlio. Lui nota la mia tristezza, mi vede spesso piangere. Dovrei essere io a consolarlo e no lui a me. Probabilmente quello che mi spinge a cambiare le cose è anche il fatto che ho incontrato, due mesi fa, un mio ex compagno di classe del liceo, anche lui reduce da una brutta storia. E credo di trovarmi bene con la sua compagnia.. ma ho paura di tradire il mio compagno, di fare un torto a mio figlio. Mio figlio me lo perdonerà? Lui ricorda ancora bene il padre.. Accetterà la presenza di quest’uomo? Sono giorni che i sensi di colpa mi travolgono. So che le vostre risposte non possono risolvere tutto e subito, ma mi farebbe piacere avere un vostro parere e se potreste darmi un consiglio. Grazie.”

Photo by Taryn Elliott on Pexels.com

Non è mai troppo tardi per cambiare le cose e non è mai troppo presto per cominciare a farlo. Probabilmente questa sua voglia di riprendersi di nuovo la vita in mano è realistica rispetto al fatto che ci sono le condizioni per riprendere in mano il timone della sua vita e ricominciare a “comandare” e decidere la direzione da prendere.

Innanzitutto vorrei che prendesse seriamente in considerazione il consiglio che le ha dato il suo medico. Iniziare una psicoterapia la potrebbe “sostenere e contenere” nel suo percorso di ri-costruzione personale e inoltre la potrebbe anche dare un grosso aiuto per riequilibrare alcuni aspetti relazionali legati alla genitorialità

Se quella che sta nascendo, con questo suo ex compagno di classe, è una relazione d’amore sincera e sana, non sarà di intralcio alla crescita di suo figlio. Anzi potrà colmare quel vuoto che ora caratterizza la vostra vita e lo aiuterebbe moltissimo a scaricarsi di pesi emotivi e responsabilità che potrebbero intralciare il suo normale percorso di crescita e sviluppo psicologico, cognitivo ed emotivo, rischiando di fargli saltare step importanti di sviluppo.

Se lei comincerà ad affrontare le sue paure e risolverà, metabolizzando, i nodi del lutto e della sua vita personale e familiare, con la psicoterapia e nel frattempo serenamente farà entrare nella sua e nella vostra vita (quella sua e di suo figlio) una terza persona, tutto diventerà più sostenibile e gradualmente le vostre vite cambieranno.

Se lei accetterà di ri-costruire e ri-partire da una nuova relazione, lasciando andare il capitolo precedente della sua vita, rimettendosi in gioco, allora anche suo figlio la seguirà. Comprenderà e accetterà la nuova figura genitoriale, conservando però sempre il ricordo di suo padre..

“Finisce bene quel che comincia male”

dott. Gennaro Rinaldi

Rivoluzioni personali..

“La vera rivoluzione dobbiamo cominciare a farla dentro di noi.”


Che Guevara
Photo by Stanislav Kondratiev on Pexels.com

Le rivoluzioni più durature sono quelle che nascono dal profondo.

Ma le “rivoluzioni interne” sono anche quelle più complesse da portare avanti.

dott. Gennaro Rinaldi

Mangerò per il tuo piacere.

Immagine Personale.

Avete mai sentito parlare del fenomeno (non del tutto nuovissimo) ma al momento in voga più che mai, del mukbang?

Mukbang è una parola che viene dalla lingua coreana e si presenta come una crasi tra la parola “mangiare” e “trasmettere”: “Muok-da/mokta” e “bangsong”; il termine è comparso per la prima volta tra il 2009 e 2010 andando a indicare un fenomeno con cui giovani ragazzi e ragazze compiono delle abbuffate davanti la videocamera.

Cos’è nello specifico il mukbang?

Il mukbanger (colui o colei che consuma il pasto), sistema innanzi la telecamera (su di un tavolo, per terra, sul divano), il cibo. Spesso questo cibo è stato precedentemente (e minuziosamente) preparato dalla persona che poi lo consumerà online. Il mukbanger di solito riprende anche se stesso nella fase di preparazione del pasto, oppure mentre è al supermercato a comprare il cibo.

I canali di questi giovani consumatori di cibo, sono tra i più seguiti sulle piattaforme online (un esempio sono la madre e la figlia Kim&Liz che vantano 4,94 Mln di iscritti al canale; le due donne raggiungono tranquillamente i 40.000 like durante un video abbuffata o ancora Hongyu Asmr con 9,44 Mln di follower).

I seguaci di questi canali, interagiscono largamente con i loro idoli – abbuffatori seriali-, giungendo a chiedere o pagare per veder mangiare determinate cose.

Cosa accomuna i mukbang?

Uno dei problemi principali è che durante questi video, il cibo consumato è altamente calorico. Si tratta di junk food consumato alla velocità della luce (cercando anche di fare più rumore possibile), sembra infatti che questi rumori da masticazione o deglutizione siano largamente apprezzati da chi visualizza questi video. Spesso i mangiatori consumano grandissime quantità di cibo in pochissimo tempo (parliamo dell’introito di 15.000 calorie con una sola abbuffata fatta in 9 minuti di tempo); si passa dal dolce al salato al crudo al cotto.. dallo scondito all’iper condito, il tutto in uno stato quasi di dissociazione in cui si accennano ammiccamenti vari alla telecamera e in cui ci si mostra particolarmente soddisfatti per ciò che si riesce a fare.

I follower spesso pagano per veder mangiare un boccone esageratamente grande oppure si paga per veder aggiungere un quantitativo di peperoncino assurdo, alle pietanze (il tutto al fine di vedere le lacrime, il pianto disperato del mangiatore che non riesce a sopportare il dolore da ustione).

I video Mukbang hanno preso così tanto piede che attualmente sono strettamente legati al fenomeno dell’asmr e anche le normali influencer (magari di makeup), ogni tot al mese decidono di premiare i loro follower concedendosi una abbuffata online (spesso sono condotte in direct in modo da consentire una interazione live tra lo spettatore e il mangiatore).

Proviamo a fare il punto della situazione.

Una delle cose che balza subito all’occhio, è il fatto che molte/i di questi mangiatori siano straordinariamente in forma. La maggior parte ha un fisico altamente scolpito, tonico o decisamente anoressico; dall’altra parte poi ci sono anche molte persone altamente sovrappeso che attuano tali condotte (c’è da dire che persone obese che consumano cibo online non sono nuove su queste piattaforme. Nell’ambito delle perversioni online era già presente tale fenomeno), ciò che rende interessante i Mukbang, ora, è proprio il fattore magrezza.

Nella maggior parte dei casi queste “star” sono molto magre proprio perchè sfruttano la loro immagine per aumentare i like e varcare quel sottile confine che separa i mukbang dalle perversioni sessuali.

Si giunge al sottile paradosso in cui il consumatore del cibo diviene egli stesso cibo consumato, mostrandosi – infatti- spesso in biancheria intima mentre succhia con le labbra (rigorosamente rifatte) un lollipop gigante (questo è tendenzialmente lo stile mukbang americano).

Le possibili implicazioni psicopatologiche.

Ci sono alcune domande, a cui non possiamo evitare di rispondere. Lasciare i giovanissimi alle prese con questi video, apre alla questione dei siti e video pro-ana e pro-mia (rispettivamente i siti pro anoressia e pro bulimia). Ho visionato spesso questi video per concentrarmi soprattutto nella sezione commenti. Da una lato vi sono commenti di uomini che dichiarano di aver condotto autoerotismo durante la visione del video; dall’altra ci sono tutte quelle ragazzine che si soffermano sul fatto che la ragazza che mangia è “straordinariamente in forma! come sarà mai possibile?” .

Il Mukbang è a tutti gli effetti l’elicitazione di un disturbo alimentare. Si tratta di una abbuffata in piena regola (mangiare un quantitativo spropositato di cibo in pochissimo tempo, come il DSM V ricorda) con successiva attuazione di condotte di compensazione/eliminazione (non credo sia umanamente possibile mantenere un peso basso o stabile se ogni giorno consumi la media di 15/20.000 calorie).

Molti utenti, inoltre, dichiarano di consumare le stesse ricette condivise dai propri idoli, live (una su tutte il noto gelato magnum su cui si spalma, in aggiunta, la nutella. Di solito si mangiano 15 magnum contemporaneamente a cui si aggiunge altro cibo).

I mukbang andrebbero forse considerati una nuova frontiera della psicopatologia visto il loro sovvertire il legame dell’essere umano con il cibo.

Alcune youtuber coreane sostengono che i loro video siano atti di protesta contro una società che le vuole sempre magre e belle; donne senza desiderio che aboliscono il desiderio primario che è quello del cibo. Le giovani donne però non comprendono che mostrarsi all’occhio indiscreto di qualsivoglia utente, mentre sorridenti e ben truccate e curate, mangiano kg e kg di cibo, veicola il messaggio opposto.

“Sarò sempre bella, in forma e attraente. Mangerò non per il mio gusto ma per il tuo piacere”.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

“Dott. mio figlio è cambiato.. e questa cosa mi spaventa”

Un caffè (freddo) con i dottori – Rubrica settimanale –

Disclaimer:

Coloro che inviano la mail, acconsentono alla resa pubblica di quanto espressamente detto. Tutte le informazioni personali (ad esempio nome), così come tutti gli altri dati sensibili, sono coperti dal segreto professionale e dalla tutela del cliente (ART.4,9,11,17,28, Codice Deontologico degli Psicologi). Le fonti di invio delle mail sono molteplici (non legate al solo wordpress).

Per la rubrica “Una caffè freddo con i dottori”, ho scelto di rispondere ad una madre di due ragazzi adolescenti. Ecco la sua lettera:

“Salve, sono madre di due ragazzi di 16 e 13 anni. Vi scrivo per mio figlio di 16 anni. Sono abbastanza preoccupata per il suo comportamento, strano e inusuale per il suo carattere. Lui è sempre stato un ragazzo socievole, allegro, vivace. Facevamo fatica (io e mio marito) a tenergli testa. Invece adesso, sono ormai alcuni mesi che non esce di casa ( ha fatto una gran fatica a finire l’anno scolastico in presenza, con tantissime assenze), resta nella sua camera buttato sul letto a guardare video sullo smartphone o sul portatile. Pare abbia perso la maggior parte dei contatti con i suoi amici di sempre. A volte lo sento giocare alla play e parlare con alcuni suoi amici di gioco. Dice che si annoia e che gli va di stare solo. Spesso mangia in camera e non esce per ore intere. Di notte non dorme e vaga per casa, di giorno dorme fino al pomeriggio. Non gli abbiamo mai fatto mancare niente e non ha mai avuto nessun problema. Non so che fare. Non riesco a capire cos’abbia. Non lo riconosco più e questa cosa mi spaventa. Grazie mille.”

Photo by Sebastiaan Stam on Pexels.com

Salve. Non c’è ragazzo o ragazza, dell’età di suo figlio che non provi ad esplicitare in maniera più o meno “rumorosa” il suo diritto ad essere disperato, depresso, arrabbiato, infelice e inquieto. Essere genitori di un adolescente è complicatissimo, ma essere adolescenti è a dir poco un’esperienza “sconvolgente” e tormentata. Ovviamente non conosco abbastanza bene suo figlio e non posso essere esaustivo riguardo il suo malessere. Mi pare però abbastanza chiaro guardando alla descrizione che stia vivendo una fase piuttosto complicata della sua vita. La struttura psichica di un ragazzo di 16 anni è ancora in piena fase evolutiva e quindi in continua trasformazione. Quindi spesso gli aspetti apparentemente patologici o preoccupanti sono transitori. Possono invece destare preoccupazione nel momento in cui ci sono cambiamenti abbastanza radicali dello stile di vita e del comportamento; inoltre i sentimenti di tristezza , noia, apatia possono diventare preoccupanti quando restano invariati e costanti per molto tempo, senza alternarsi periodicamente a situazioni emotive di equilibrio o di polo opposto.

Nel caso di suo figlio, come lei descrive, ci sono state delle vere e proprie rotture con quello che era il suo usuale percorso evolutivo e di sviluppo. Suo figlio ha allontanato gli amici di sempre, non ne ha altri e ha scarso interesse a relazionarsi e a ricercare relazioni affettive (a differenza di qualche mese fa); inoltre tende ad isolarsi per giorni interi rimanendo chiuso in casa, evitando così i contatti con gli altri e il mondo fuori la propria stanza ( luogo sicuro); ha invertito il proprio ritmo circadiano, vivendo nelle ore notturne; ha cominciato a disinteressarsi della scuola, dei compagni di scuola. Queste premesse evidentemente possono preludere a situazioni di disagio psichico più complesse e profonde come: depressione, disturbi dell’umore, disturbi di personalità, ansia sociale, isolamento sociale, hikikomori (dal giapponese “stare in disparte”).

Spesso noi adulti consideriamo gli adolescenti come esseri strani, lunatici, misteriosi, incomprensibili. Parliamo troppo spesso di loro, ma parliamo troppo poco di loro, ascoltandoli realmente. Bisogna fare un passo indietro e provare a ritornare con la memoria a quando anche noi eravamo adolescenti, solo in quel momento possiamo forse avremo l’opportunità di cogliere l’intensità emotiva del loro “stare nel mondo”.

Fatta questa premessa le consiglio di considerare per suo figlio (ovviamente dopo averne parlato insieme della necessità) l’inizio di un percorso psicoterapeutico e se possibile parallelamente a questo percorso, una psicoterapia familiare.

“Finisce bene quel che comincia male”

dott. Gennaro Rinaldi

Saper fallire

“Che la gente non sappia come fare ad avere successo è male. Ma il peggio è che non sanno neppure come fallire. Io ho deciso di fallire bene.”

ERIK ERIKSON
Photo by Download a pic Donate a buck! ^ on Pexels.com

Un giovane paziente una volta mi disse: “Io non voglio iniziare qualcosa nella mia vita perché non conosco a cosa vado incontro. E se sbagliassi e se non riuscissi. E se mi dicessero che non vado bene?.. non so cosa fare. Non mi va di fare niente..”.

Impariamo a fallire..ci aiuterà a diventare più forti.

“Finisce bene quel che comincia male”

dott. Gennaro Rinaldi

Un caffè (freddo) con i dottori – Rubrica settimanale –

Vi va di prendere un caffè (freddo) con uno psicologo – psicoterapeuta?

immaginate…”Due poltroncine, un ombrellone, il suono del mare, un bel tramonto all’orizzonte e due tazze con caffè freddo per iniziare…”

Ilpensierononlineare inizierà da oggi una nuova rubrica settimanale, pensata e dedicata a voi.

Ecco il link alla pagina che potrete trovare anche nel menu superiore della nostra home.

Un caffè (freddo) con i dottori – Rubrica settimanale – | ilpensierononlineare