Archivi tag: riflessioni sulla natura

Rilassa..Mente

“Gli uomini sono come i fiumi: l’acqua è in tutti uguale e ovunque la stessa, ma ogni fiume è ora stretto, ora rapido, ora ampio, ora tranquillo, ora limpido, ora freddo, ora torbido, ora tiepido.”

Lev Tolstoj
Suoni della Natura – Rilassa..Mente – ilpensierononlineare Youtube channel
Suoni della Natura – Rilassa..Mente – ilpensierononlineare Youtube channel
Suoni della Natura – Rilassa..Mente – ilpensierononlineare Youtube channel

La Natura, il verde, il suono del vento e dell’acqua permettono alla nostra mente di ritemprarsi e di rilassarsi.

Il Benessere Psicologico è determinato anche dallo stare bene nel proprio ambiente.. sulla nostra terra.

Nessun uomo può bagnarsi nello stesso fiume per due volte, perché né l’uomo né le acque del fiume sono gli stessi.

Eraclito

Passeggiare lentamente osservando il verde della natura e le sue numerose sfaccettature;

ascoltare i suoni che essa ci offre “gratuitamente” come in un concerto esclusivo, personale;

respirare l’odore della terra appena umida, delle piante e dei pini, degli abeti;

farsi accarezzare dal vento nel mentre si toccano con le dita, l’acqua del fiume e le piante intorno all’argine.

La natura ci inebria, ci avvolge e ci accoglie.

Tutti i nostri sensi quando ci immergiamo in una passeggiata in un parco, in un bosco, sono come invasi da sollecitazioni positive.

Il verde è un calmante naturale.. e solleva l’umore; il grigio delle città rende stressati e tristi.

“Finisce bene quel che comincia male”

dott. Gennaro Rinaldi

RilassataMente. SperiMentalmente.

Vorrei essere le radici di un albero, per crepare la terra e giungere fino all’essenza del nutrimento stesso, aprendo ad un circolo continuo di desiderio e vita.

Mi piace il vento perché accarezza le foglie e le sostiene…Le coccola e non le teme, ma le lascia volteggiare liberamente.

Le foglie si fidano e si lasciano giocare.

Mi piace il sole perché quando incontra la natura crea una sfumatura di colore che sa di lui e lei fusi insieme: sa di corpi caldi.

(C’è sempre qualcosa in te, che sa di me).

La propriocezione indica la capacità di percepire e riconoscere la posizione del corpo nello spazio e lo stato di contrazione dei muscoli, senza l’ausilio della vista; è fondamentale “offrire” al proprio corpo un cambio di prospettiva, “muovendolo” in diversi contesti di vita.

Cambiare contesto -ambiente- fa sì che il corpo, percependosi in una diversa posizione/postura, arrivi a sperimentare nuovi assetti, nuove possibilità, nuove ricchezze che non sapeva di avere.

Un corpo che si sperimenta è anche una mente che si sperimenta, così come una mente che si sperimenta è anche un corpo che si sperimenta.

Mettiamoci in gioco come solo la natura sa fare: giocando.. sfidando o accarezzando… il vento…

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio

Sempre lo stesso punto (ma diverso).

L’altro giorno stavo leggendo un gradevolissimo post di Luisella, non conoscete il suo spazio? Male! ehehehe

Allora il blog è Tra Italia e Finlandia e il post in questione questo qui (andate a vedere lo spazio di Luisella perchè è super interessante e lei è davvero tanto accogliente e gentile, unica cosa -siete avvisati- sarete svariate volte, durante la giornata, tentati di prenotare un volo!).

Il post è sui tramonti che -guarda caso- sono una delle mie più grandi passioni.

Posso con un fare stoico che talvolta mi impressiona, mettermi ad osservare, (aggiungendovi una pazienza di Penelopiana memoria), il cielo (il mare, la natura).

Sono una di quelle persone che può piangere per un ramo spezzato, un albero sradicato a forza; un buco nella terra, un animale senza casa, la natura bruciata. Sono queste, cose che a me fanno male fisico, sul serio.

Allora Einstein lo diceva: “Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l’ha già creata“.

Vi lascio con qualche foto scattate a distanza di qualche minuto un po’ come fece Claude Monet con la serie delle Cattedrali di Rouen (una serie di dipinti a olio raffiguranti dallo stesso punto di vista il portale della Cattedrale di Notre-Dame in condizione di luce, diversa).

Proviamo a non dare la natura per scontata: si occupa di noi, ogni giorno.

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.